in foto: Luca Marini – Foto Instagram

Una brutta disavventura quella capitata a Luca Marini, fratello di Valentino Rossi, impegnato nelle prove libere della Moto2 sul circuito di Philip Island. Il pilota italiano del team Forward, mentre stava affrontando la curva 8 del circuito di Phillip Island, a causa di una folata di vento, ha perso il controllo della sua Kalex cadendo nelle vie di fuga a 215 km/h. Marini si è più volte girato e rigirato sulla ghiaia, tra brutti colpi e capriole impressionanti, ma essendosi rialzato prontamente sembravano escluse complicazioni.

La TAC ha escluso lesioni gravi.

Una volta terminata la sessione, però, il pilota è stato prima visitato in clinica mobile e poi trasportato in ospedale per una serie di accertamenti. Sottoposto a TAC, che ha escluso gravi lesioni, ha riportato varie contusioni tra cui una muscolare al collo. Il Dottor. Michele Zasa, coordinatore della Clinica Mobile, però, ha rassicurato tutti riguardo le sue condizioni: "Luca ha subito numerose contusioni ma di lieve entità, inclusa una al collo, che apparentemente coinvolge solo i tessuti molli, tra cui i muscoli. Si può parlare di contusione muscolare ma, essendo l’area coinvolta molto sensibile e considerando anche il quadro clinico, in accordo con i dottori del centro medico abbiamo deciso di mandare Luca all'ospedale più vicino per un controllo e una TAC al collo. Se andrà tutto bene, il pilota potrà tornare in sella già domani e gareggiare domenica" sono state le sue parole ai cronisti presenti sul circuito.

A post shared by Valeria Rossi (@valeria_thedoctor) on

Si attende l'ok dei medici per tornare in pista.

Un incidente, quello capitato a Marini, che è arrivato dopo quello di altri piloti e che ha causato la bandiera rossa, esposta dai commissari del circuito australiano, ma che poteva avere conseguenze peggiori. Alla fine, però, solo un grande spavento, dunque, per il giovane pilota italiano che domani sarà di nuovo in circuito per proseguire il suo lavoro in vista della gara. Gli esami non hanno riscontrato gravi danni e se l'equipe medica darà l'ok definitivo potrà tornare in sella lasciandosi alle spalle il grosso spavento.