Niccolò Antonelli – Getty images
in foto: Niccolò Antonelli – Getty images

La gara di Misano, per Niccolò Antonelli, è stata decisamente amara: il pilota della Sic58, impegnato nel mondiale Moto3, infatti, è caduto rimediando la frattura del polso e una botta violenta alla clavicola destra finendo fuori gioco anche per la tappa di Aragon. Il pilota italiano, però, non si scoraggia e punta già il rientro previsto per il GP della Thailandia: "Ciao amici, oggi verrò operato al polso per ridurre la frattura e mettere una piccola placca che mi permetterà di essere in Thailandia per il GP" ha confermato lo stesso Antonelli con un messaggio sul proprio sito.

Il ritorno previsto per il GP della Thailandia

Il rientro, salvo imprevisti, dovrebbe avvenire il prossimo 6 ottobre quando il mondiale a due ruote si trasferirà in Thailandia per disputare la gara sul tracciato di Buriram. Dopo l'intervento al polso, infatti, Antonelli dovrà osservare un periodo di convalescenza prima di tornare in sella; ad aiutarlo nel recupero, però, ci saranno i suoi tifosi che già in questi giorni gli hanno fatto sentire la propria vicinanza al punto di spingere il pilota italiano a ringraziarli: "Vorrei ringraziare tutti, nessuno escluso, per il grande affetto dimostratomi in questi giorni e per i numerosissimi messaggi di incoraggiamento che mi avete mandato e che mi hanno aiutato moltissimo a digerire questo episodio. Voi siete il motore che alimenta la passione per questo bellissimo sport" è stato il suo messaggio. Antonelli, a causa dell'infortunio, dovrà rimanere fermo nella gara di Aragon tanto che la squadra di Paolo Simoncelli schiererà il pilota CEV Moto3 Davide Pizzoli accanto a Tatsuki Suzuki. Per Pizzoli, però, non si tratta di un esordio nel Motomondiale visto che ha all’attivo tre gare disputate tra il 2015 ed il 2016, sempre come wild card con il 20° posto a Jerez come suo miglior risultato.