Dal punto di vista sportivo non è probabilmente andata a finire come speravano in tanti, ma il weekend del GP di San Marino e della Riviera di Rimini va in archivio come un’edizione straordinaria. Lo dicono i numeri del fine settimana che sfiorano il record di pubblico: quasi 160mila spettatori nei tre giorni, 158.300 per l’esattezza, 20.760 nella giornata di venerdì, 41.328 in quella di sabato e 96.212 in quella di domenica che confermano, per il quarto anno consecutivo, straordinari livelli di afflusso. Lo scorso anno, il record era stato di 159.120 spettatori, soltanto 820 in più di quelli di questo fine settimana. Dati dunque il linea con quelli del 2018 e che sottolineano come lo spettacolo di colori e di passione del Misano World Circuit “Marco Simoncelli” resti il numero uno in Italia.

Record sfiorato, crescono le presenze straniere

A fare da cornice al weekend, insieme al tifo del pubblico, le nuove vie di fuga che hanno distinto l’edizione 2019, riempiendo di colore non solo il circuito ma anche i luoghi simbolo della Terra dei motori. “Un’identità – fanno sapere i promotori dell’evento –  precisa e irripetibile da comunicare a tutto il mondo con i colori e le texture che sintetizzano la Riders’ Land e che sono diventate un punto di riferimento per i media internazionali grazie anche ai pre event ufficiali con Valentino Rossi e con i piloti nella Repubblica di San Marino”. Il ringraziamento va “a tutti coloro che hanno contribuito al successo di questa edizione con il lavoro professionale o volontario” oltre che alle Forze dell’ordine per quello che è stato “un weekend intenso ed impegnativo nella gestione del traffico e del servizio d’ordine”.

In questa edizione ci siamo posti lo scopo di alzare l’asticella degli obiettivi, vogliamo siano incrementati i profili economico-turistici in aggiunta al grandissimo appeal di uno degli eventi sportivi più importanti ed attesi ogni anno nel nostro Paese. La data è collocata perfettamente nel calendario, per attrarre un pubblico dedicato e continuiamo a notare l’incremento delle provenienze estere. Si aggiunge una audience mondiale e crescente. Tutto ciò ci sprona a ulteriori sforzi e ad un grande impegno per mettere a frutto il lavoro e gli investimenti. C’è ancora molto da fare, per tutti, ma la nuova era della MotoGP nella Riders’ Land s’è avviata col piede giusto”.

Tanti vip e ospiti in griglia

Grande affluenza di pubblico ma anche tanti vip e rappresentanti delle istituzioni ad assistere alle gare di MotoGP, Moto2, Moto3 e della nuova MotoE, a partire dal presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, gli assessori regionali Emma Petitti e Andrea Corsini, l’ambasciatore israeliano in Italia, Eydar Dror e l’ex Ministro Maria Elena Boschi. Nutrita anche la presenza delle istituzioni sportive, con il presidente del Cons sammarinese Gian Primo Giardi, il membro del comitato esecutivo e presidente della Fams Paolo Valli, il presidente della Federazione sammarinese motociclismo Dennis Zanotti e il presidente della Federmoto italiana, nonché membro dell’esecutivo della Federazione Internazionale, Giovanni Copioli, sul palco per le premiazioni.

Tra i tanti ospiti, accolti con grande calore l’Ad di Lamborghini, Stefano Domenicali, l’ex calciatore italiano e allenatore Marco Materazzi, lo chef stellato Bruno Barbieri. Dal mondo dei motori, oltre al quindici volte campione del mondo Giacomo Agostini, presenti il campione del mondo della classe 250 e pilota della Superbike Marco Melandri, l’ex campione del mondo di mountain bike Marco Aurelio Fontana, la medaglia olimpica Martina Valcepina accompagnata da tutti gli altri azzurri della nazionale di Short Track e la pattinatrice artistica su ghiaccio Valentina Marchei.