Ci siamo. Il campionato del mondo MotoGP 2018 parte dal GP del Qatar, l’ormai tradizionale gara in notturna, sotto i riflettori del circuito di Losail. Prima delle diciannove gare in programma, una in più rispetto alla scorsa stagione, che risponderà alle molte domande rimaste senza risposta dopo i test invernali.

Dovi favorito, Marquez in palla

Nel precampionato Johann Zarco ha continuato a sorprendere, mettendo la sua Yamaha davanti a tutti nei test in Qatar, anche alle M1 ufficiali di Valentino Rossi e Maverick Vinales. Se però bisogna nominare un pilota “vincitore” dell’ultima sessione di prove invernali, questo è Andrea Dovizioso, probabilmente l’unico ad essere in vantaggio indipendentemente dalle condizioni della pista. Il forlivese della Ducati ha completato un precampionato impeccabile, gestendo con tranquillità e senza errori il lavoro sulla nuova GP18  e dando la sensazione di avere tutto sotto controllo alla vigilia di una stagione che si preannuncia tra le più competitive di sempre. Quest’anno sembra che tutte le caselle siano al posto giusto anche in Honda, a differenza delle ultime sue stagioni, durante le quali il binomio motore-elettronica aveva richiesto un lavoro durato quasi metà campionato. È vero anche che il nuovo motore forse è ancora un po’ troppo aggressivo, ma il fatto che i tre piloti HRC, Cal Crutchlow, il campione del mondo in carica Marc Marquez e Dani Pedrosa, rispettivamente quarto, settimo e dodicesimo, siano stati a un buon livello su un circuito ostico come quello di Losail è certamente un segnale importante.

Dubbi Yamaha, Suzuki promossa

Dovranno stare attenti i rivali, a partire dalla Yamaha che sebbene abbia chiuso i test in Qatar con Johann Zarco, Valentino Rossi e Maverick Vinales in prima, seconda e quinta posizione, arriva all’inizio del campionato più o meno nella stessa situazione in cui lo aveva concluso. L’esperienza di Valentino ha permesso al Dottore di salvare l’ultimo test, più difficile invece capire cosa sta accadendo al box di Vinales. Lo spagnolo è preoccupato e alla fine dei tre giorni di test ha detto più di una volta di essere riuscito a fare soltanto cinque giri “buoni” per le tante modifiche fatte alla moto. Senso di confusione anche nel box di Jorge Lorenzo che dopo i problemi di Buriram, nei test di due settimane prima, in Qatar è stato impegnato nel provare tante cose, senza però riuscire a fare meglio del decimo tempo, dietro anche alla Ducati Pramac di Danilo Petrucci, a tre decimi da Dovizioso. Segnali invece importanti in Suzuki che in proporzione ha mostrato maggiori progressi dello scorso anno, con Alex Rins che ha fatto passi da gigante, ottavo al termine dei tre giorni in Qatar, e Andrea Iannone, sempre veloce a Losail e in testa alla classifica dei tempi nella seconda serata di test, prima di essere fermato da un problema gastrointestinale. Ad ogni modo, i piloti italiani sono chiamati ad essere protagonisti e, nei test in Qatar a brillare è stato anche Franco Morbidelli, campione del mondo Moto2 all’esordio in top class con la Honda del team Marc Vds, tredicesimo appena dietro alla Honda ufficiale di Pedrosa.

Orari tv di Sky e Tv8

In tv, tutto il Motomondiale 2018 sarà trasmesso in diretta e in esclusiva da Sky sul canale Sky Sport MotoGP HD (canale 208) a partire dalla conferenza stampa dei piloti giovedì 15 marzo alle 17:00 ora locale (quando in Italia saranno le 15:00). Pit lane aperta da venerdì 16 marzo per le prime prove libere, alle ore 12:30 locali, quando in Italia saranno le 10:50, per il primo turno di libere della Moto3 che sarà seguito alle 14:45 da quello della MotoGp e alle 12:45 da quello della Moto2 (orari italiani). Quindi la seconda sessione di libere delle tre classi a partire dalle 15:10 per la Moto3, alle 16:05 per la MotoGp e alle 17:05 per la Moto2. Sabato 17 marzo i piloti torneranno in pista dalle 10:40 per il terzo turno di libere della Moto3, seguito dalle libere di MotoGp e Moto2. Per la classe regina quarta e ultima sessione di libere alle 16:40, e dalle 17:20 i due turni di qualifiche che determineranno la griglia di partenza, sempre in diretta su Sky Sport MotoGP HD e in chiaro su TV8, canale 8 del digitale terrestre e di Tivù Sat, dalle ore 19:00. Domenica 18 marzo la MotoGP partirà con il warm up di 20 minuti alle ore 12:40, quindi la gara, alle 17:00, in diretta su Sky Sport MotoGP e, in replica su TV8. Come sempre, la diretta streaming sarà disponibile su Sky Go.

Programmazione Sky MotoGP

Giovedì 15 marzo (orari italiani)
ore 15.00 conferenza stampa piloti
Venerdì 16 marzo
ore 10.50-11.30 – Moto3, Prove libere 1
ore 11.45-12.30 – Moto2 Prove libere 1
ore 12.45-13.30 – MotoGP Prove libere 1
ore 15:10.15:50 – Moto3 Prove libere 2
ore 16:05-16:50 – Moto2 Prove libere 2
ore 17.05-17.50 – MotoGP Prove libere 2

Sabato 17 marzo
ore 10.40-13.35 – Moto3 Prove libere 3
ore 11.35-12.20 – Moto2 Prove libere 3
ore 12.35-13.20 – MotoGP Prove libere 3
ore 14.45-13.20 – Moto3 Prove libere 3
ore 15.40-16.25 – MotoGP Prove libere 3
ore 16.40-17.10 – MotoGp Prove libere 4
ore 17.20-17.35 – MotoGP Qualifiche 1
ore 17.45-18.00 – MotoGP Qualifiche 2

Domenica 18 marzo
ore 11:40-12:00 – Moto3 Warm up
ore 12:10-12:30 – Moto2 Warm up
ore 12.40-13.00 – MotoGP Warm-Up
ore 14:00 – Moto3 Gara
ore 15:20 – Moto2 Gara
ore 17.00 – MotoGP Gara

Programmazione di TV8
Sabato 25 marzo 2017
ore 19.00, Moto 3, Moto 2 e Moto GP – Qualifiche, sintesi

Domenica 26 marzo 2017
ore 18.00, Moto 3 – Gara, differita
ore 19.15 Moto 2 – Gara, differita
ore 21.00, Moto GP – Gara, differita