Il volo di Danilo Petrucci al 1° giro del Gp d’Australia / MotoGp.com
in foto: Il volo di Danilo Petrucci al 1° giro del Gp d’Australia / MotoGp.com

Gara sfortunata per Danilo Petrucci a Phillip Island. Il pilota della Ducati che partiva dalla seconda fila dopo il quinto tempo trovato nelle qualifiche di questa mattina, è incappato in un brutto highside che lo ha violentemente sbalzato in aria, scaraventandolo con tutto il corpo contro la Yamaha di Fabio Quartararo.

Petrucci: "Marquez mi ha mandato sullo sporco"

Un volo terribile, terminato nella via di fuga insieme al giovane francese e, fortunatamente, senza gravi conseguenze per entrambi. “Sono davvero dispiaciuto perché finalmente avevo fatto un weekend all’altezza delle mie aspettative e questa mattina in qualifica avevo ottenuto un buon tempo, per cui ero molto ottimista per la gara – ha ammesso Petrucci a fine giornata – . Purtroppo alla curva 2 Marquez mi è entrato all’interno e, allargando la traiettoria, sono andato sullo sporco ed ho perso la moto facendo un highside che sfortunatamente ha coinvolto anche Quartararo. Mi dispiace molto per lui e anche per il fatto che probabilmente abbiamo perso un’occasione per salire sul podio”.

I controlli svolti al centro medico del circuito hanno escluso fratture o particolari lesioni ma a Petrucci è stata riscontrata una forte contusione alla caviglia sinistra che, secondo gli specialisti, non dovrebbe comunque destare particolari preoccupazioni: “La caviglia mi fa molto male ma dai primi esami sembra che non ci sia nulla di rotto, per cui spero di essere a posto per la Malesia” spiega  il ternano che nonostante lo zero rimediato oggi in Australia mantiene la quinta posizione in campionato a 14 punti da Alex Rins e 7 da Maverick Vinales con cui è in lotta per il terzo gradino del podio iridato. Il compagno di squadra Andrea Dovizioso, invece, 9° alla bandiera a scacchi, lascia Phillip Island con 57 punti di vantaggio su Rins, mettendo aritmeticamente al sicuro il titolo di vice-campione del mondo MotoGP per il terzo anno di fila.

Quartararo pensa già a Sepang

Dall’altra parte, quello di Phillip Island è un weekend da dimenticare in fretta per Quartararo che, dopo l’infortunio alla caviglia rimediato nella brutta caduta di venerdì, in qualifica era riuscito a conquistare la prima fila passando dalle Q1, salvo ritrovarsi sfortunatamente coinvolto nell’incidente al primo giro. “È stato un fine settimana difficile, con un grande incidente venerdì e un incidente domenica – dice el Diablo della Yamaha – . Se Petrucci non mi avesse colpito, probabilmente sarei finito sull’erba perché alla curva 2 sono finito lungo e avrei comunque perso molte posizioni. Ora andremo subito a Sepang e approfitterò di questi giorni per recuperare il più possibile. Sarà la gara di casa per il team e voglio rendere onore al circuito e il nostro sponsor Petronas con una buona gara”.