Vinales sul gradino più alto del podio di Sepang. La dedica è per il 20enne Munandar morto ieri nella gara dell’Asia Talent Cup
in foto: Vinales sul gradino più alto del podio di Sepang. La dedica è per il 20enne Munandar morto ieri nella gara dell’Asia Talent Cup

Settima vittoria in MotoGP e seconda in questa stagione per Maverick Vinales che ha vinto il GP di Malesia rompendo il filotto di cinque successi consecutivi di Marc Marquez. Una vittoria mai in discussione quella del ‘Top Gun’ della Yamaha che, partito dalla prima fila, ha imposto un ritmo insostenibile fin dai primi passaggi, mettendo da subito metri importanti tra sé e gli inseguitori. “È stata una gara incredibile – dice al parco chiuso –  . L’abbiamo preparata benissimo nel corso del fine settimana”.

Vinales: "La vittoria è per Munandar"

Grande soddisfazione per il 24enne spagnolo che riscatta così lo zero rimediato domenica scorsa a Phillip Island, dove era caduto all’ultimo giro. “Sapevo di  avere un bel potenziale e sono riuscito a spingere dal primo giro. Peccato per la caduta in Australia ma essere in prima posizione qui è bellissimo”. Sul podio della MotoGP la festa è tutta per lui anche se, a velare di profonda tristezza il fine settimana, è stata la tragica scomparsa del pilota Afridza Munandar, morto in un terribile incidente al primo giro della gara dell’Asia Talent Cup di ieri. “Dedico questa vittoria a lui – dice ancora Vinales – . Era il mio preferito nel campionato” ammette. Come lui anche Marquez, salito sul podio con Andrea Dovizioso, ha voluto ricordare il 20enne talento indonesiano: “Non possiamo dimenticare Munandar. Io l'ho incontrato una volta sola, era un ragazzo gentile. Purtroppo il mondo delle corse è così a volte, un abbraccio alla famiglia” .

Tornando al fine settimana di Sepang, Vinales ha parlato del grande feeling trovato sul circuito malese. “Mi sono trovato da subito molto bene e sono riuscito a fare una guida molto pulita. Quando sono partito per la gara, sapevo quali sarebbero stati i punti di sorpasso, e alla 10 e alla 11 sapevo di poter superare Miller per poi spingere fino al traguardo. Devo ringraziare tutta la Yamaha che sta facendo un lavoro incredibile in queste ultime gare”.

Oltre alla soddisfazione di aver battuto Marquez, con i 25 punti della vittoria Vinales risale in terza posizione in classifica piloti, scavalcando il rivale Alex Rins che con la Suzuki ora insegue a 7 punti di ritardo dal connazionale: “È da un po’ di gare, da Misano più o meno, che abbiamo fatto un grande cambiamento sulla gestione dei primi giri. Quindi sono molto contento perché abbiamo trovato un setup migliore in tutte le condizioni. Anche se ho spinto più che mai”.