La vittoria di Rossi in Brasile nel 2003 – Getty images
in foto: La vittoria di Rossi in Brasile nel 2003 – Getty images

La MotoGP, a partire dal 2002, sarà di scena a Rio de Janeiro: la notizia circolava già da qualche tempo, ma adesso è arrivata anche l'ufficialità a sancire il ritorno nella massima serie a due del tracciato brasiliano. A 18 anni dall'ultima apparizione targata 2004, quindi, le moto torneranno a correre nel paese carioca e lo faranno nel nuovissimo Rio Motorpark, il tracciato che potrebbe prendere il posto di Interlagos conquistando anche la Formula 1.

Un ritorno, quello del Brasile, atteso 15 anni: era il 2004 quando le moto sfrecciarono sulla pista di Jacarepaguá con il giapponese Tamada a prendersi la vittoria nell'ultima edizione della corsa fin qui disputata. Dal 2022, però, si tornerà all'antico pur con diversi elementi di modernità a partire dal tracciato che sarà il Motopark di Rio de Janeiro con i lavori che saranno terminati nel 2021 presentando un layout da 4,5 chilometri con sette curve a sinistra e sei a destra e un tempo stimato di percorrenza per la MotoGP di un minuto 38 secondi. "Il fatto di avere già una prima competizione in programma per la nuova pista di Rio, con la MotoGP confermata per il 2022, rappresenta una svolta per la nostra città. La costruzione del circuito di Deodoro è un progetto spettacolare, ci sarà un investimento straordinario che genererà sette mila posti di lavoro e farà recuperare a Rio un ruolo da protagonista nelle principali competizioni. Svilupperemo la zona ovest per promuovere il turismo. Tutto questo senza che la città metta un soldo nel progetto perché tutte le risorse saranno esterne" ha sottolineato Marcelo Crivella, sindaco di Rio de Janeiro.

Un accordo importante quello concluso con la città di Rio de Janeiro dove si dovrebbero disputare ben 5 edizioni della corsa. "Sono molto orgoglioso di annunciare il ritorno della MotoGo a Rio de Janeiro, una delle città più iconiche del mondo e situata in un paese incredibile. Il Brasile è un mercato importante per il motociclismo e per gli sport motoristici, vanta una storia di cui essere orgogliosi, nonché un futuro brillante in cui la MotoGp svolgerà un ruolo importantissimo col nostro ritorno nel 2022″ ha spiegato Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna Sports.