Valentino Rossi, 40 anni / Getty
in foto: Valentino Rossi, 40 anni / Getty

Ancora poche ore e per la MotoGP sarà il momento di tornare in pista per il GP del Giappone, primo round del trittico di gare che con Australia e Malesia condurrà alla finale di Valencia. Fine settimana speciale per la Yamaha, alla gara di casa del costruttore nipponico. “È sempre una gara importante per noi – dice il team director Massimo Meregalli – . È anche la prima di tre gare di fila che possono risultare molto impegnative, per cui dovremo rimanere concentrati al 100% e mostrare anche la resistenza fisica e mentale come squadra”. Il circuito di Motegi è “una pista tradizionalmente non facile per la Yamaha anche se è proprio Valentino Rossi il pilota ad essere salito più volte sul podio giapponese, undici in totale, l’ultima nel 2015, secondo dietro a Dani Pedrosa.

Rossi: "Qualcosa di diverso con la Yamaha"

Ci aspettano tre gare consecutive durante le quali cercheremo di risolvere alcuni dei nostri problemi con la motoha spiegato Rossi alla vigilia del weekend – . Non siamo ovviamente contenti degli ultimi risultati”. Poche e stringate parole per dire che se c’è una Yamaha che continua a soffrire, è quella del pesarese che, dopo l’ottavo posto in Thailandia, insieme alla Yamaha ha preparato un programma piuttosto intenso per il Giappone. “A Motegi proveremo altre soluzioni, qualcosa di diverso – dice sempre Valentino, sesto in classifica piloti ma a 22 punti da Alex Rins in terza posizione – . Motegi è una pista che mi piace, per cui cercheremo di fare una buona gara”.

Dopo aver sfiorato il podio dello scorso anno, il pesarese spera di poter trovare una soluzione per poter tornare a lottare con i primi. Un obiettivo condiviso con il compagno di squadra Maverick Vinales che con la M1 sembra invece aver ritrovato il giusto feeling, reduce dal podio di due settimane fa a Buriram. “Quella di Motegi è una pista che mi piace molto dove sono convinto che faremo bene, perché di solito è una pista dove sono veloce – ha detto lo spagnolo, quarto in classifica a 4 punti da Rins – . La gara dell’anno scorso è stata difficile, ma stavamo attraversando un momento in cui non mi sentivo bene con la moto. Adesso invece mi trovo incredibilmente bene con la moto e sento di poter spingere forte e fare buoni giri. Vedremo, in ogni caso, spingerò”.