Il GP del Giappone si è chiuso a pochi giri dal traguardo per Valentino Rossi, incappato in una caduta alla curva 1 che lo ha costretto ad alzare bandiera bianca a Motegi. “I dati non li ho visti ma devo aver fatto un piccolo errore – spiega ai microfoni di Sky Sport –  La moto mi si è chiusa davanti e sono caduto. Ma a parte la caduta, sarebbe stata dura perché partivo dietro e il passo non era buonissimo”.

Rossi: "Ho sbagliato, ma sarebbe stata dura"

Una gara partita in salita per il Dottore che dalla 10° casella si è ritrovato 14° al primo giro: “Non sono partito benissimo ma ero lì. Naturalmente, partendo da dietro, è una lotta selvaggia. Alla curva 5 ci siamo un po’ toccati e siamo andati un po’ larghi. Ho perso un po’ di posizioni e ho cercato di recuperare, ma facevo fatica a superare”. Risalito in 11° posizione, Valentino è arrivato negli scarichi della Ducati di Danilo Petrucci. “Con Danilo c’è stata un po’ di lotta e poi è cominciato ad arrivare qualcuno in difficoltà con la gomma soft, come Miller. Il mio potenziale era di stare con Rins e Crutchlow ma ho perso tanto al primo giro e il passo non era abbastanza buono”.

Valentino Rossi, 40 anni / Getty
in foto: Valentino Rossi, 40 anni / Getty

Se mi diverto a correre cosi? È un momento un po’ difficile – ammette Valentino – Dopo qualche gara abbastanza buona, nelle ultime abbiamo più problemi. Oggi purtroppo ho sbagliato, ma ci piacerebbe essere più veloce per poter lottare per le posizioni migliori. Ora andremo a Phillip Island, dove è sempre bello correre e la pista è una delle migliori. Guarderemo i dati e cercheremo di capire e di fare meglio”. Infine, un commento sulla vittoria del fratello Luca Marini in Moto2: “Oggi è stato fantastico, è stata la sua più bella vittoria, perché ha lottato e ha risorpassato Luthi. Vincerne due di fila non è da tutti, sono riusciti a trovare il bandolo della matassa e adesso stanno riuscendo ad andare forte. Una bella giornata per il team Sky VR46 anche con Vietti che ha fatto il podio con un sorpasso all’ultima curva, sono stati molto bravi”.