Per la seconda volta da quando corre in MotoGP, Valentino Rossi cambierà il suo capotecnico in Yamaha. Dopo l’arrivo di Silvano Galbusera al posto dello storico Jeremy Burgess, nel 2020 ci sarà un nuovo capo meccanico accanto al pesarese.

Addio Galbusera, arriva David Munoz

Secondo l’anticipazione di As, il favorito a prendere il posto di Galbusera è lo spagnolo David Munoz, che sarà il nuovo tecnico al box del Dottore nel 2020. Munoz, che lo scorso anno ha vinto il titolo della Moto2 con Pecco Bagnaia e quest’anno affianca Niccolò Bulega nello Sky Racing team in Moto2, sarà l’uomo scelto da Valentino per cercare di ottenere il più possibile dalla M1 e tornare a lottare per il podio, la vittoria e, se sarà possibile, il campionato.

Munoz non è il primo collaboratore che il pesarese promuove dalla VR46. Sempre dalla sua squadra, lo scorso anno è arrivato il coach Idalio Gavira, dopo la decisione di Luca Cadalora di non continuare con il suo ruolo. Una sostituzione, quella di Galbusera, che di certo avrà peso nelle decisioni che riguarderanno il futuro di Rossi dopo il 2020, visto che importanti indicazioni arriveranno proprio dai risultati del prossimo anno, che per Valentino saranno determinanti per capire se sarà la sua ultima stagione in MotoGP o se sarà abbastanza competitivo per continuare a correre per un’altra stagione.

Valentino Rossi al box con l’attuale capotecnico Silvano Galbusera / Getty Images
in foto: Valentino Rossi al box con l’attuale capotecnico Silvano Galbusera / Getty Images

Munoz, d’altra parte, in passato ha lavorato con altri piloti del Mondiale, come Pablo Nieto e Maverick Vinales prima di conoscere Rossi e passare alla VR46. Il suo lavoro in classe cadetta non sarebbe sfuggito al pesarese che ritiene possa essere di grande aiuto per tornare ad essere competitivo.