È stata una gara migliore rispetto a quella di Jerez ma perdevamo troppo in accelerazione, era veramente difficile”. L’analisi di Valentino Rossi dopo il 5° posto di Le Mans non nasconde il fatto che, ancora una volta, non è riuscito ad avere la zampata per mettere in difficoltà i rivali. “Il mio passo era buono e non sono arrivato tanto lontano da Marquez ma soprattutto vicino alle Ducati. Durante il weekend abbiamo lavorato piuttosto bene, la moto andava bene e nel guidato ero veloce, ma non sono riuscito a fare di più”.

Rispetto alle Ducati e Honda abbiamo due problemi – prosegue il pesarese -. Il primo in accelerazione, perché loro riescono a dare il gas più di noi e la loro moto impenna meno, a poi anche alla fine del rettilineo siamo in difficoltà e, nonostante la scia, non riusciamo a stare vicini. Sembra che come velocità di punta andiamo peggio dell’anno scorso”.

Di solito, tra i quattro piloti Yamaha, io sono quello più lento, quindi credo che dovremo fare delle valutazioni. Sono riuscito a stare con il gruppo delle Ducati ma è dura perché durante la gara speri di avvicinarti, ma in rettilineo perdiamo tanto. Ho cercato di dare il massimo per non farmi prendere da Espargaro e tenere quel secondo di vantaggio con la speranza di battere Miller ma mi è mancato quel pelo per battere Jack. La prossima gara sarà al Mugello, sarà un grande weekend. La pista è bellissima, rispetto a Le Mans ci sono meno accelerazioni da basse veloci, quindi potremo essere veloci. C’è però un rettilineo molto lungo, vedremo come andrà”.