Tony Cairoli – Instagram
in foto: Tony Cairoli – Instagram

Non è riuscita l'impresa a Tony Cairoli che nel GP d'Asia, corso sulla pista di Semarang, in Indonesia, cercava punti per avvicinare il grande rivale nella corsa al titolo 2018, Jeffrey Herlings. Nulla da fare per il pilota siciliano, costretto a correre in difesa da un problema al pollice sinistro infortunato nell'ultima tappa, che ha concluso al 4° posto generale mentre l'olandese in testa al mondiale calava la doppietta in grado di farlo allungare in campionato: adesso sono 24 i punti che separano Cairoli da Herlings.

In gara-1 Cairoli ha puntato tutto sulla partenza: il siciliano è scattato in maniera perfetta lasciando Herlings dietro a combattere senza mostrare lo smalto dei giorni migliori. Giro dopo giro, poi, l'olandese ha cominciato a imporre il proprio ritmo risalendo da centro classifica mentre l'italiano è stato costretto a subire il sorpasso di Gasjer prima e del rivale poi chiudendo al terzo posto la prima manche. In gara-2, poi, il bis di Herlings; una gara mai in discussione con l'olandese a dettare il passo e Desalle e Gasjer a completare il podio. Solo 4° Cairoli, autore di una caduta nel corso delle fasi concitate che non gli ha permesso di raggiungere la top 3.

Cairoli deve recuperare 24 punti all'olandese

Con la doppietta asiatica Herlings consolida il proprio primato nel mondiale; l'olandese può vantare 24 punti di vantaggio su Cairoli, costretto a rimontare nelle rimanenti otto gare per non rinunciare al sogno del decimo mondiale. Il prossimo appuntamento sarà quello del 22 luglio a Loket, in Repubblica Ceca; l'occasione giusta per Cairoli di ripresentarsi al massimo delle forma tornando a vincere rosicchiando così punti importanti in vista del rush finale che vedrà i due rivali grandi protagonisti. Nulla ancora è perso, la distanza da Herlings non è impossibile da colmare, ma in campionato in cui i due la stanno facendo da padroni sarà fondamentale portare a casa il maggior numero di vittorie posssibili.