Lo scambio di caschi tra Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel – Foto Instagram
in foto: Lo scambio di caschi tra Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel – Foto Instagram

Quattro stagioni vissute insieme, aiutandosi in pista e fuori: il 2018 è stata l'ultima annata insieme per una delle coppie storiche della Formula 1, ossia quella composta dai ferraristi Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. Dal prossimo anno, infatti, il finlandese lascerà il proprio sedile al giovane Charles Leclerc per accasarsi all'Alfa Romeo Sauber, la scuderia elvetica con la quale aveva iniziato la sua carriera.

Scambio di caschi tra i due amici

Si interrompe così un sodalizio che durava da quattro stagioni: i due, oltre ad essere compagni di squadra, sono amici anche lontano dalle piste. Proprio per questo quello vissuto da Raikkonen è stato un momento particolare: un addio al compagno di tante battaglie e per il quale svariate volte si è sacrificato pur di consentirgli di vincere e inseguire il proprio sogno di conquistare il mondiale al volante del Cavallino. Un rapporto importante quello che lega il finlandese e il tedesco che, per suggellare la loro amicizia, hanno deciso di scambiarsi i caschi; un gesto immortalato dal campione del mondo 2007 sui propri social network accompagnato dalle frase "È stato bello lavorare con te compagno".

Was nice working with you mate! Photo @calloalbanese

A post shared by Kimi Räikkönen (@kimimatiasraikkonen) on

Un vero e proprio saluto in grande stile quello del finlandese non solo a Vettel, ma a tutta la Ferrari, la scuderia con la quale è diventato campione del mondo e con la quale ha conquistato 10 vittorie in 151 Gran Premi disputati, l'ultima delle quali nel Gran Premio degli Stati Uniti 2018. Dall'anno prossimo ci sarà una nuova scuderia ad accoglierlo e una nuova avventura da intraprendere: i due saranno avversari in pista, ma non nemici. Troppo forte il rapporto tra Raikkonen e Vettel per pensare che possa bastare cambiare squadra per interrompere la loro amicizia; lo scambio dei caschi ha solo suggellato un rapporto nato grazie al Cavallino e destinato a proseguire anche dopo l'abbandono del finlandese alla squadra di Maranello.