I tipici bus a due piani di Londra
in foto: I tipici bus a due piani di Londra

Londra si è da tempo convertita alla mobilità green adottando misure restrittive verso le auto più inquinanti e favorendo lo sviluppo dei mezzi a basso impatto ambientale come vetture elettriche o ibride. Dal 2019, però, anche uno dei simboli storici della capitale inglese, i celebri bus rossi a due piani, diventeranno elettrici: gli iconici "double decker", infatti, dalla prossima estate potranno contare su un'alimentazione green che consentirà di abbassare ulteriormente la soglia di inquinamento della metropoli.

68 nuovi autobus green si muoveranno per Londra

Saranno 68 i nuovi bus elettrici che percorreranno la città: 37 saranno realizzati dalla scozzese Alexander Dennis Limited insieme con la cinese Byd, gli altri 31 dalla società britannica Optare. I primi saranno un modello Enviro400EV, lunghi 10,9 metri e dotati di scala di vetro per collegare i due piani, utilizzeranno batterie ricaricabili al litio-ferro-fosfato che garantiranno il funzionamento dei mezzi per l'intera giornata con una singola ricarica: il quartier generale dei nuovi mezzi sarà l'Holloway Garage di Metroline, a nord di Londra, e saranno impiegati per coprire il percorso che segue la Route 43, nel cuore della City di Londra, dal London Bridge sino a Friern Barnet mentre i secondi, forniti dalla Optare, saranno lunghi 10,5 metri e potranno trasportare circa 90 passeggeri con un’autonomia di 240 km con una singola ricarica coprendo il percorso che da North Finchley porta sino alla centralissima Tottenham Court Road.

L'obiettivo è rendere elettrica l'intera flotta entro il 2037

I nuovi bus si aggiungono a quelli già presenti e serviranno a rendere possibile l'elettrificazione dell'intera flotta dei double decker entro il 2020 con l'obiettivo, entro il 2037, di passare totalmente all'elettrico coinvolgendo dunque anche gli autobus tradizionali. Un percorso, quello intrapreso dalla capitale britannica e dal sindaco Sadiq Khan, che punta all'eliminazione dei motori tradizionali per puntare con decisione sull'energia green: un anno fa era stato annunciato un piano da 3 miliardi e mezzo di euro per migliorare la qualità dell’aria e combattere i cambiamenti climatici vietando la vendita di veicoli diesel e a benzina a partire dal 2040 e prevedendo il divieto di circolazione su tutte le strade dal 2050.