Una Tesla della Polizia è rimasta senza carica durante un inseguimento. È accaduto a Fremont, alle porte di San Francisco, dove un agente è stato costretto ad alzare bandiera bianca perché rimasto a corto di energia. Non è chiaro, riporta la Cnn, perché l’auto elettrica non fosse completamente carica e abbia perso potenza in un momento così inopportuno.

Tesla della Polizia si scarica durante un inseguimento

Succede di tanto in tanto, soprattutto se un agente torna in stazione per prendere un rapporto e poi non ritorna per strada” ha spiegato Geneva Bosques, portavoce del Dipartimento di Polizia di Fremont. L’agente alla guida della Tesla stava inseguendo un sospetto ricercato in relazione a un crimine a Santa Clara. Dopo aver confermato la targa, l’agente ha tentato di fermare il traffico ma l’auto non ha rispettato l’alt, ripartendo ad alta velocità. Poi, via radio, ha dato l’allarme. “Ho appena realizzato che sto finendo la batteria, ne ho per sei miglia sulla Tesla, quindi potrei perderla in un secondo”.

La vettura, una Tesla Model S 85 del 2014, fa parte di un programma pilota di sei mesi per testare l’integrazione della Tesla con le esigenze del Dipartimento che sta tenendo traccia di tutti i dati. “Non abbiamo una politica scritta per quanto riguarda la ricarica, ma la linea guida generale è che dovrebbe essere almeno per metà carica all’inizio del turno, come lo era questa vettura – ha spiegato sempre Bosques. La polizia di Fremont ha chiarito che le altre unità che stavano seguendo l’operazione per dare assistenza hanno preso il controllo dell’inseguimento ma che questo è stato interrotto dopo una decina di minuti, quando è stato ritenuto troppo pericoloso. L’auto del sospettato è stata ritrovata più tardi da una pattuglia della California State Highway Patrol a San José.