La Toro Rosso a Monza – LaPresse
in foto: La Toro Rosso a Monza – LaPresse

Da Toro Rosso ad Alpha Tauri: potrebbe essere questo il cambio più significativo della prossima stagione. Nessun nuovo team all'orizzonte pronto ad entrare nel mondiale di Formula 1, ma un cambio nome per la scuderia con sede a Faenza che, come già reso noto sia a Fia sia a Liberty Media che alla F1 Commission, ha palesato la voglia di mettere in scena un taglio netto con il passato.

Un'operazione di marketing quella pensata dalla piccola del gruppo Red Bull; Alpha Tauri, infatti, è il brand di moda facente parte della galassia di marchi al di sotto del controllo della popolare bibita energetica e lanciato nel 2016. Una mossa che, come riferito da Helmut Marko, il super consulente Red Bull, attende solo l'ok delle scuderie che compongono il mondiale visto che la Fia e Liberty Media hanno dato il proprio assenso all'operazione: "Abbiamo richiesto la ridenominazione, abbiamo l'approvazione della FIA e di Liberty Media. Ora la palla passa alle varie squadre" ha sottolineato ai microfoni di Speedweek.com.

Il passaggio della Toro Rosso, che corre con questa nome sin dal suo ingresso in F1 avvenuto nel 2006 quando raccolse il testimone lasciato dalla Minardi, ad Alpha Tauri sembra quindi essere una semplice formalità; per rendere ufficiale il cambiamento, infatti, manca solo l'approvazione dei team che dovrebbe arrivare a breve rendendo effettivo il nuovo nome. L'unico team ad avere qualche perplessità – a causa dell'assonanza – potrebbe essere l'Alfa Romeo Racing, ma Marko non sembra vedere intoppi riguardo questa possibilità: "In passato abbiamo accordato la possibilità di dare un nuovo nome a squadre come Force India e Sauber quindi non mi aspetto delle difficoltà in questo senso" ha sottolineato mostrando notevole fiducia nella buona riuscita dell'operazione che permetterà alla Toro Rosso di chiamarsi, a partire dal 2020, Alpha Tauri.