La 12 Ore del Golfo di Abu Dhabi partirà dalla settima casella della griglia di partenza per Valentino Rossi. Il Dottore ha completato l’ultimo dei tre turni di qualifica previsti per oggi con il settimo tempo assoluto (2’09.589) che sommato ai best lap dell’amico Alessio ‘Uccio’ Salucci e del fratello Luca Marini consente alla Ferrari 488 GT3 contrassegnata con il numero 46 di scattare dalla settima posizione dello schieramento di partenza della prima delle due gare in programma per domani, sabato 14 dicembre. La 12 Ore del Golfo di Abu Dhabi (qui il link per seguire la diretta streaming dell’evento che in Italia non è trasmesso in tv o dai canali satellitari come Sky Sport) si articola infatti su due manche di 6 ore ciascuna. La griglia di partenza di gara-1 è determinata dai risultati delle qualifiche di oggi, mentre quella di gara-2 si basa sui risultati di gara-1. Tra le due manche, una pausa di tre ore che consente alle squadre che, ad esempio, hanno danneggiato l’auto nella prima manche, di avere il tempo di riparare la vettura e schierarsi per il via del round finale. La partenza di gara-1 è prevista per le 9:30 ora locale, vale a dire alle 6:30 italiane, mentre gara-2 scatterà alle 14:30 italiane.

Rossi 7° in griglia, 2° di categoria

Tornando ai risultati delle qualifiche, per l’equipaggio capitanato dal campione di Tavullia si tratta del secondo tempo della categoria ProAm, alle spalle della Lamborghini Huracan GT3 Evo n. 77 del team Barwell Motorsport di Adrian Amstutz, Miguel Amos, Jordan Witt e Patrick Kujala che conquistano il miglior tempo della categoria. A scattare dalla pole position è invece la Mercedes AMG GT3 n. 48 del team HTP Motorsport composto da Maximilian Goetz, Dominik Baumann e Al Zubair Al Faisal, leader della categoria GT3 Pro. Da segnalare anche la buona prestazione di Loris Capirossi e dei suoi compagni di squadra, Alexis De Bernardi e Nicola Cadei che portano la Ferrari 488 GT3 numero 65 in terza posizione nella categoria Am, 15esima sullo schieramento di partenza.

Per Rossi-Marini-Salucci si tratta di un ottimo risultato dal momento che per il trio, quello nella 12 Ore di Abu Dhabi, è il debutto nella classica dell’endurance che segna la fine della stagione agonistica dei motori. Una novità, dunque, per Valentino&co., con il pesarese che, tra l’altro, è reduce dallo storico scambio di mezzi con Lewis Hamilton andato in scena lunedì scorso sulla pista di Valencia. Una passione per i motori che per il nove campione di motociclismo pare senza confini, dopo anche le sue ultime dichiarazioni rilasciate nella conferenza stampa di apertura del weekend ad Abu Dhabi, in cui, si è detto pronto a affrontare anche altre gare di durata. “Ci sono almeno cinque o sei gare alla quali mi piacerebbe partecipare – ha confessato, guardando al futuro dopo la MotoGP – . Tra queste ci sono la 24 Ore di Le Mans, le 24 di Spa e la 24 Ore del Nurburgring”.