"Sono molto soddisfatto della decisione di entrare a far parte del team Yamaha Factory Test. Ho sempre pensato di restare impegnato in MotoGP e tornare al paddock, e penso che questo sia un ruolo adatto per me”. Così Jorge Lorenzo annuncia su Instagram l’ingaggio da parte della Yamaha come collaudatore della M1. Una dichiarazione che era attesa da giorni e che, l’accelerazione voluta dalla Casa di Iwata attorno ai suoi programmi sportivi, ha reso ufficiale questa mattina.

Ufficiale il ritorno in Yamaha

La notizia è stata anticipata direttamente dallo spagnolo: “Conosco bene la squadra e la M1 – dice nel video pubblicato sui social – .  La Yamaha si adattava davvero bene al mio stile di guida, e sarà molto interessante ‘incontrarsi di nuovo con la mia vecchia moto'. Tornando alla Yamaha, porto con me tanti dei ricordi. Ci siamo assicurati molti podi e vittorie, e tre titoli insieme, in modo da sapere dove si trovano i nostri punti di forza. Voglio ringraziare Yamaha per questa opportunità, perché questo mi permette di fare quello che amo – correre in moto e spingendo il limite – pur godendo di uno stile di vita leggermente più calmo rispetto a quello degli anni precedenti. Sono molto motivato e e non vedo l'ora di iniziare a lavorare. Voglio fare del mio meglio per il futuro della Yamaha, e spero che la mia esperienza di guida sia utile agli ingegneri e sia ai piloti Yamaha per portare il titolo di nuovo Yamaha".

Rossi "ritrova" Lorenzo

Valentino Rossi “ritrova” così Jorge Lorenzo, ex compagno di squadra e acerrimo rivale con cui ha diviso il box per sette stagioni al netto degli anni del pesarese in Ducati. Nove, invece, sono gli anni che lo spagnolo ha trascorso in sella alla M1, che gli sono fruttati tre titoli iridati (2010, 2012 e 2015) 35 vittorie, 81 podi, 39 pole e 2600 punti iridati. La coppia si era divisa a Valencia nel 2016, con la decisione di Lorenzo di abbracciare l’avventura Ducati, ma distanza di quattro anni torna (probabilmente per l’ultima stagione) a vestire gli stessi colori. Un ritorno al futuro che per Lorenzo arriverà già nei primi test riservati ai collaudatori e agli esordienti previsti sul circuito di Sepang da domenica 2 febbraio e continuerà in tutti i test previsti durante l'anno, anche quelli organizzati privatamente dalla Yamaha. Con l’ipotesi concreta di tornare a gareggiare in qualche wild card se si sentirà veloce e competitivo.

Con l'annuncio ufficiale, il terzo di questa settimana da parte della Yamaha, si delinea l'assetto completo del team. Nel 2020, Maverick Vinales (il cui contratto è stato esteso a tutto il 2022) dividerà il box ufficiale Yamaha con Rossi, poi sarà il campione di Tavullia a decidere se ritirarsi o continuare a correre passando al team satellite. Al suo posto, nel 2021, arriverà Fabio Quartararo, promosso dal team SRT in virtù del talento mostrato e i risultati conseguiti nel 2019 (sei pole e sette podi). Il rientro di Lorenzo rappresenta l'ultimo caposaldo in ottica futura, un pilota da cui la Casa di Iwata si aspetta di poter sfruttare la grande esperienza e la grande voglia di rimettersi in gioco.

🇬🇧 “I’m very happy with the decision to join the Yamaha Factory Test Team. I was always planning on staying involved in MotoGP and returning to the paddock, and I think this is a suitable role for me. I know the team and the M1 well. The Yamaha really suited my riding style, and it will be very interesting to ‘meet up with my old bike again’. Returning to Yamaha brings with it some good memories. We secured many podiums and victories, and three titles together, so we know where our strengths lie. I want to thank Yamaha for this opportunity, because this allows me to do what I love – riding motorbikes and pushing the limit – whilst enjoying a slightly calmer lifestyle than I did in previous years. I’m very motivated to get to work and can’t wait to start riding. I want to do my best for Yamaha’s future, and I hope my riding experience will be helpful to Yamaha’s engineers and riders to bring the title back to Yamaha.” ————————————————————— 🇪🇸 “Estoy muy contento de unirme al equipo de pruebas de Yamaha. Desde que tomé la decisión de retirarme siempre estuve planeando involucrarme en MotoGP y regresar al paddock, y creo que este es un papel que puede ser adecuado para mí. Conozco el equipo y a la M1 muy bien. La Yamaha realmente se adaptaba a mi estilo de pilotaje y será muy interesante reencontrarme con mi “vieja moto". Regresar a Yamaha me trae buenos recuerdos, conseguimos muchos podios, victorias y tres títulos juntos, así que sabemos dónde están nuestras fortalezas. Quiero agradecer a Yamaha por esta oportunidad, porque me permite hacer lo que amo: Pilotar motos y superar el límite, mientras disfruto de un estilo de vida un poco más tranquilo que en los últimos 18 años. Estoy muy motivado por empezar a trabajar y estoy impaciente por pilotar la moto. Quiero lo mejor para el futuro de Yamaha, así que espero que mi experiencia sea útil para los ingenieros y pilotos de Yamaha para devolver el título a la fábrica”. ————————————————————— #yamahamotogp #yamaham1 #teamyamaha #valentinorossi #maverickvinales #fabioquartararo #francomorbidelli #lugano

A post shared by Jorge Lorenzo (@jorgelorenzo99) on