Sebastian Vettel – Ferrari
in foto: Sebastian Vettel – Ferrari

Sebastian Vettel arriva al GP di Singapore per cercare di cancellare una stagione fin qui da dimenticare: il pilota della Ferrari, a secco di vittorie da 22 gare, ha voglia di riscattare l'errore di Monza – che gli è costato la gara e 3 punti di penalità che lo mettono a rischia squalifica – mettendo in scena una prova degna di un quattro volte campione del mondo sulla pista dove, insieme a Lewis Hamilton, detiene il record di successi con 4 affermazioni.

Una gara, quella nella città stato-asiatica, che potrebbe segnare un nuovo inizio per il tedesco, pronto a dimostrare di non essere arrivato ai titoli di coda di una carriera che i tifosi della Ferrari sperano sia ancora piena di successi con la scuderia italiana.

Questo non è il momento peggiore della mia carriera; la prendo com'è e ovviamente so che non è eccezionale,  ma alla fine non è un disastro. Nel weekend la gara è il momento clou, un momento può cambiare l'intera gara e in quel caso è successo. Ovviamente sono stato il primo ad ammettere l'errore dopo la gara ed è stato molto chiaro. Sfortunatamente, queste cose fanno parte di noi e delle corse – ha dichiarato in conferenza stampa ritornando su quanto accaduto a Monza – Adoro ancora correre; ci sono ancora molte gare per sperare di ottenere dei risultati migliori e terminare la stagione nel modo giusto per prepararmi anche alla prossima. Sulla carta non siamo favoriti, ma sappiamo cosa ci aspetta. Se non ci saranno imprevisti sono certo che la monoposto confermerà un passo avanti che ci dovrebbe consentire di essere più a nostro agio e questo sarebbe un bel successo

Il parere sul compagno Leclerc

Il pilota della Ferrari, nonostante una stagione non certo esaltante, ribadisce ancora una volta il proprio amore per le corse e la voglia di proseguire la sua avventura in Ferrari continuando a cullare il sogno di diventare campione del mondo con la scuderia di Maranello. Anche nel 2020, come più volte ribadito anche dal team principal Mattia Binotto, ci sarà lui al volante della Rossa insieme a Charles Leclerc, l'astro nascente della Formula 1 che lo stesso Vettel ha riconosciuto come un futuro campione: "Per prima cosa devo essere onesto e dire che è molto veloce. In secondo luogo, penso che in alcuni casi non ho avuto delle ottime qualifiche ed in altri dei problemi, come Austria e Germania, e anche a Monza è mancato il ‘run’ finale. Credo sia giusto ammettere che il tuo compagno in certi casi possa aver fatto un lavoro migliore, poi diventa importante capire i motivi e cercare di migliorare" ha concluso il tedesco.

Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images
in foto: Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images