Un weekend particolare quello che la Formula 1 vivrà in Giappone: il tifone Higibis, infatti, ha mutato il programma dell'intero appuntamento portando alla cancellazione della terza sessione di prove libere e spostando le qualifiche alla domenica mattina di Suzuka, appena 3 ore prima della gara. Una situazione difficile per tutti i team che dovranno concentrare gli sforzi massimando il proprio impegno per svolgere il lavoro che di solito si fa in 3 diverse giornate e che porterà alcune scuderie a non riuscire a completare il programma originale.

Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images
in foto: Sebastian Vettel e Charles Leclerc – Getty images

Tra i team più penalizzati potrebbe esserci proprio la Ferrari: la scuderia di Maranello, infatti, è quella che migliora maggiormente nell'arco del weekend sfruttando i dati della pista e il lavoro dei piloti. Stavolta, però, Sebastian Vettel e Charles Leclerc dovranno impegnarsi più del solito per conquistare la vittoria e rimandare la festa Mercedes che, ottenendo 14 punti in più delle due Rosse, porterebbe a casa il sesto titolo costruttori consecutivo. Entrambi i piloti, pur ammettendo la superiorità delle Frecce d'argento nei primi due turni di prove libere, sono convinti di poter almeno avvicinare le vetture di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas:

Devo lavorare ancora, posso fare meglio a livello di guida ma non siamo a livello di Mercedes così come anche Red Bull sembra molto forte – ha ammesso Leclerc ai microfoni di Sky -.  Il bilancio non è così negativo, ma non abbiamo abbastanza grip. Non ho ancora guardato il passo di tutti, siamo lontani da Mercedes ma il mio non sembra così male. Gap recuperabile? Sempre. Non so quali condizioni ci saranno, spero ci siano condizioni difficili che potrebbero aiutarci.

Vettel vede Mercedes e Red Bull molto forti

Oltre al duello con le Mercedes ad animare il weekend ci sarà anche la lotta interna alla Ferrari con Sebastian Vettel che vuole cancellare le polemiche e soprattutto lo zero dovuto al ritiro nella gara di Sochi. Un weekend importante quello che attende il tedesco, pronto a rosicchiare punti al compagno di squadra e a battagliare ad armi pari con le Frecce d'argento: "Oggi le Mercedes erano veloci, si sono sentite a loro agio. Probabilmente hanno fatto un passo avanti e la pista si addice più alle loro caratteristiche, ci sono tanti fattori che determinano l'esito. Nonostante tutto è andata abbastanza bene, possiamo migliorare e vedremo a che livello saremo domenica mattina. Recuperare il gap? Con qualità e impegno lo speriamo. C'era ancora un po' di margine, per noi non è stata la giornata ideale ma c'è ancora del potenziale da tirare fuori dalla vettura; dobbiamo essere onesti e dire che le Mercedes sono state forti così come anche le Red Bull. Mi aspetto una battaglia serrata e penso che entrambe saranno molto forti anche in qualifica" ha concluso il tedesco.