Un venerdì positivo quello vissuto dalla Ferrari in Messico: i due piloti della Rossa, infatti, sono riusciti ad essere protagonisti in entrambe le sessioni con Charles Leclerc a prendersi la seconda posizione nelle prime prove libere dietro a Hamilton pur con una mescola di svantaggio nei confronti dell'inglese mentre nella seconda è stato Sebastian Vettel a mettersi a guidare il gruppo con il monegasco terzo alle spalle di Max Verstappen.

Sebastian Vettel – Getty images
in foto: Sebastian Vettel – Getty images

Le due Rosse, anche a Città del Messico, hanno dimostrato di poter essere competitive su un tracciato che, per caratteristiche, dovrebbe esaltare i punti forti della SF90 mettendo i due piloti nelle condizioni ideali per centrare quella vittoria che manca da due gare. Nonostante questo, però, il quattro volte campione del mondo preferisce rimanere cauto rimandando al sabato le conclusioni in ottica gara:

Penso di aver fatto il mio; sono andato sull'erba nella prima sessione ma nel pomeriggio è andata meglio – sono state le sue parole ai microfoni di Sky -. Ero concentrato sulle gomme medie e devo dire che reggono bene, sono competitive rispetto alle altre mentre non ho ancora pensato su usare le morbide. Charles ha avuto problemi così come altri piloti, dobbiamo valutare bene che gomme montare.

Leclerc rimane cauto

Se Vettel non sembra volersi sbilanciare, anche il suo compagno di squadra Leclerc preferisce volare basso: il monegasco ha vissuto una giornata particolare con la prima sessione filata via liscia senza particolari problemi mentre nella seconda ha avuto qualche difficoltà di troppo con la propria vettura, troppo scorbutica e con problemi di bilanciamento: "Le prime libere sono state positive mentre nelle secondo libere ci aspettavamo una pista che ci dava più sottosterzo e invece non è andata così. Ho fatto fatica con il bilanciamento della macchina e con la guida, dobbiamo lavorare per domani quando farò qualche modifica. Partite con la gomma media? E' una buona possibilità" ha sottolineato non escludendo la possibilità di puntare sulla mescola intermedia già al via.