Il Gran Premio d'Italia, oltre ad incoronare Charles Leclerc permettendo al monegasco di interrompere un tabù Ferrari lungo 9 anni, ha suscitato anche numerose polemiche per il contatto ravvicinato tra il giovane monegasco e il campione del mondo in carica Lewis Hamilton; la Mercedes dell'inglese e la Rossa, infatti, sono arrivate al contatto in staccata tanto che la Direzione Gara ha deciso di esporre la bandiera bianca e nera per segnalare al pilota della scuderia di Maranello che altre manovre del genere non sarebbero state tollerate.

Toto Wolff – LaPresse
in foto: Toto Wolff – LaPresse

Per la Mercedes Lerclerc andava penalizzato

Oltre al duello con Hamilton, però, Leclerc si è reso protagonista anche di un errore che lo ha portato fuori pista; per rientrare, poi, il monegasco ha tagliato la chicane rimanendo davanti a Hamilton; un comportamento considerato regolare dai commissari – visto che aveva già la posizione e che ha perso molto del vantaggio nei confronti dell'inglese -, ma che, unito al duello ruota a ruota con l'inglese, ha portato il team principal della Mercedes, Toto Wolff, a sottolineare la gentilezza della Direzione Gara nei confronti del monegasco.

Dare una penalità qui a Monza a Leclerc? Penso ci sarebbe stata una rivolta. Avremmo avuto bisogno di essere scortati dalla Polizia per uscire dal circuito – ha scherzato ai microfoni di Sky Sports -. Penso che lui abbia guidato un po' oltre il limite, avrebbero potuto dargli entrambe le penalità; una per aver spinto fuori Lewis, l'altra per essere stato aggressivo ma voglio dare il merito alla Ferrari di aver avuto la macchina più forte anche se sono certo che in un'altra circostanza avremo bisogno di riproporre il video di quanto successo a Monza.

Hamilton promette battaglia

La condotta di gara del monegasco non è piaciuta neanche a Lewis Hamilton che, appena finita la gara, si è complimentato con il ferrarista senza però lanciare una frecciatina all'avversario, reo di essersi difeso in maniera troppo aggressiva: "Con Charles abbiamo avuto un paio di momenti in cui eravamo molto vicini, penso che ne dovremmo parlare privatamente. E’ un ragazzo che è meno esperto rispetto a me, ma oggi mi ha insegnato qualcosa nella lotta. Vorrà dire che la prossima volta mi comporterò di conseguenza, come lui ha fatto con me oggi. Bisogna essere coerenti con le regole. Penso che gli steward oggi si siano proprio svegliati dalla parte sbagliata del letto" ha spiegato il campione del mondo in carica nella consueta conferenza stampa post gara. Una nuova rivalità sembra essere iniziata in Formula 1, una nuova saga pronta ad appassionare gli spettatori e che potrebbe presto regalare nuovi capitoli.