Sébastien Ogier – Getty
in foto: Sébastien Ogier – Getty

Sébastien Ogier dopo la vittoria in Spagna e dopo il quarto titolo iridato consecutivo, non sembra aver placato la sua fame di vittorie. In Galles è nuovamente dominio del francese, che alla guida della Volkswagen Polo R lascia poco spazio alla bagarre e firma la quinta vittoria stagionale, la terza consecutiva dopo Corsica e Catalunya. La tappa inglese, disputata sulle scivolose strade forestali del Galles, diventa così una delle riserve di caccia, con Ogier che cala il poker ininterrotto di vittorie. Alle sua spalle l’attenzione era per la lotta tra Mikkelsen e Neuville, ma spunta l’out-sider Tänak, che alla guida della Ford Fiesta RS si è dimostrato l’unico in grado di tenere il passo di Ogier. Thierry Neuville completa il podio.

Ogier padrone di casa

Nessun problema per la coppia Ogier-Ingrassia a gestire un Rally nel quale l’equipaggio della Volkswagen si trova particolarmente a suo agio. La vittoria viene costruita già nella prima giornata di gara, quando Ogier costruisce un piccolo vantaggio su Tänak, subito competitivo, che raddoppia in occasione dell’ultima speciale di giornata. L’estone fora l’anteriore destro e percorre a velocità ridotta gli ultimi 6 chilometri della prova, permettendo alla Volkswagen Polo di raggiungere il Service Park di Deeside con oltre 37 secondi di vantaggio. Il Campione del Mondo controlla nelle due restanti giornate di gara e si porta a casa la quinta vittoria stagionale.

Problemi per le altre Volkswagen

Più complicata la gara per le due Polo R di Latvala e di Mikkelsen. La stagione del finlandese è una continua altalena tra alti e bassi, e questa volta una nuova noia meccanica influenza il risultato finale. Nel corso della settima speciale problemi alla trasmissione attardano Latvala mentre era in terza posizione nella classifica generale, facendolo retrocede. Le cose sono più complicate per Andreas Mikkelsen, in piena lotta per il secondo posto nella classifica mondiale. Per un problema meccanico, anche in questo caso legato alla trasmissione, Mikkelsen è fuori dai giochi già alla quarta speciale, in una giornata che non prevede l’assistenza fino al parco chiuso. Mikkelsen è costretto a rinunciare al duello contro Neuville, e chiuderà il Rally solo in dodicesima posizione.

Il week-end di Tänak

Come sempre un po’ di noia invade la prima posizione della classifica, ma per fortuna sono le battaglie per i restanti posti sul podio a tenere vivo l’interesse. Questa volta nella partita entra di diritto Tänak, che con la Ford Fiesta riesce ad aggiudicarsi ben dodici speciali sulle ventidue in programma. L’estone monopolizza l’intera domenica, vincendo tutte e sei le prove in programma e portandosi a casa anche i 3 punti extra della Power Stage. Il distacco al traguardo da Ogier è contenuto in 10 secondi e 2 decimi, che rappresentano l’ottima prestazione di Tänak, considerando che Neuville paga un gap di oltre 1 minuto e 35 secondi.

Hyundai prova l’assalto

Round tutto sommato positivo per Hyundai, che perde la possibilità di aggiudicarsi il titolo costruttori, andato nella bacheca Volkswagen, ma che vede Thierry Neuville consolidarsi al secondo posto della classifica generale dopo la debacle di Mikkelsen. Tre le vetture nelle prime sei posizioni, con Paddon quarto e Sordo sesto al traguardo. Al termine della prima giornata di gara si era accesa anche una bella lotta a tre tra le due i20 di Neuville e Paddon, all’attacco della Citroen di Meeke, tutti attaccati nell’arco di poco meno di 5 secondi.

Il Mondiale Rally WRC è pronto alla trasferta oltre oceano per l’ultimo appuntamento della stagione in programma dal 17 al 20 novembre in Australia.

WRC – Dayinsure Wales Rally GB – Classifica finale

  1. Ogier – Volkswagen – 3:14:30.2
    2. Tänak – Ford +10.2
    3. Neuville – Hyundai +1:35.4
    4. Paddon – Hyundai +1:54.9
    5. Meeke – Citroen +2:35.2