"Nessuno ha dimenticato la magnifica presenza di Zanardi al Dtm di Misano nel 2018, pertanto, siamo lieti che ora torni al volante della BMW M4 DTM come del nostro dream team per il Fuji. Alex ispira le persone in tutto il mondo ed è fantastico averlo con noi in Giappone" ha sottolineato Jens Marquardt, direttore del Bmw Group Motorsport .

Un ritorno per Zanardi che già nell‘agosto 2018 corse due gare del DTM a Misano, con un 5° posto eccezionale conquistato su una Bmw M4 Dtm appositamente modificata con un sistema di freno a mano e un anello a fungere da acceleratore sul volante. A gennaio, poi, il 53enne bolognese ha corso la 24 Ore di Daytona su una Bmw M8 Gte. "Competere nella Dream Race con DTM e Super GT è qualcosa di meraviglioso per me. La parola "meraviglioso" è probabilmente usata troppo spesso, ma in questo caso è davvero appropriata. Il semplice fatto di essere ancora in grado di correre è comunque un regalo per me. Tuttavia, la BMW M4 DTM è sicuramente una delle migliori auto da corsa che ho guidato nella mia carriera. Inoltre, avrò 100 CV in più sotto il cofano quest'anno" sono state le sue parole.

Difficile vederlo vincere la Dream Race, corsa evento che vedrà impegnati i migliori piloti delle due categorie in gara, ma Zanardi è sicuro che quella del Fuji sarà un'esperienza indimenticabile anche se non dovesse arrivare il trionfo. "Sarà fantastico e sono estremamente grato a BMW Motorsport per questa opportunità. So che correre nel DTM è una grande sfida, poiché tutti i piloti sono altamente professionali e preparati in modo eccellente. E questa volta avremo anche i piloti della Super GT. In quanto tale, le mie aspettative non sono troppo grandi dal punto di vista sportivo. Voglio solo esibirmi al meglio delle mie capacità. Nel complesso, tuttavia, sono sicuro che questo sarà un altro grande capitolo della mia carriera automobilistica" ha concluso.