La battaglia in pista con la Ferrari non è ancora iniziata, ma la Mercedes comincia ad affilare le armi in vista di quello che sarà il leit motiv della stagione 2018: le Frecce d'argento contro la Rossa – con il possibile inserimento di Red Bull e McLaren -, una sfida che ha caratterizzato il 2017 e che, nel prossimo anno, accenderà ancora i cuori degli appassionati.

L'accensione del motore 2018

Il duello tra le due scuderie è già iniziato con la Mercedes a lanciare il guanto di sfida: la presentazione della W09 Hybrid, la vettura che sarà chiamata a difendere il titolo conquistato da Lewis Hamilton lo scorso anno, è stata fissata il 22 febbraio, lo stesso giorno scelto dal Cavallino per rivelare al mondo le forme della nuova monoposto. La scuderia di Brackley, però, ha voluto regalare un primo assaggio ai propri tifosi svelando sui propri canali social il rito della prima accensione del nuovo motore; una mossa per far aumentare l'attesa e anche per mettere a tacere le voci che si erano diffuse nei giorni scorsi di problemi allo scarico. Almeno dalla prima prova non sembrano esserci particolari problemi anche se sarà la pista a dire se il progetto della Mercedes sarà quello giusto per replicare i successi degli ultimi anni.

La Mercedes di Lewis Hamilton – Getty images
in foto: La Mercedes di Lewis Hamilton – Getty images

La lotta sarà più dura rispetto agli passati, come ammesso anche dal team principal Toto Wolff, e il team della Stella spera che l'incremento di potenza della nuova power, che potrebbe superare i 1000 Cv di potenza, sia sufficiente per tenere dietro la Ferrari, capace di azzerare quasi lo svantaggio nella scorsa stagione. Servirà tutto il potenziale della Mercedes, ma soprattutto l'affidabilità, vero punto di forza nel 2017: con 21 Gran Premi da disputare e tre sole power unit a disposizione sarà fondamentale non avere problemi, come già successo nella passata stagione quando furono proprio i guai – insieme a qualche errore di troppo da parte dei piloti – a condannare la Rossa all'ennesima sconfitta.