Fernando Alonso e Michael Schumacher hanno scritto la storia della Formula 1: lo spagnolo, infatti, è stato il pilota che ha messo fine al dominio del tedesco conquistando il titolo sia nel 2005 sia nel 2006 battendo proprio il driver della Ferrari. Un duello, quello tra i due, che ha rappresentato una delle grandi sfide degli ultimi anni, una sfida generazionale che ha visto trionfare l'allora pilota della Renault senza però ridimensionare il sette volte campione del mondo.

Fernando Alonso e Michael Schumacher – Getty Images
in foto: Fernando Alonso e Michael Schumacher – Getty Images

Lo spagnolo rende omaggio al campione tedesco

Un rapporto spesso burrascoso, ma anche leale: due personalità forti, incapaci di accettare la sconfitta. Alonso e Schumacher hanno segnato un'epoca e lo spagnolo, a distanza di tanti anni, ha voluto rendere omaggio al suo avversario in una intervista concessa al sito ufficiale della Formula 1:

Devo confessare che quelli sono stati i migliori momenti della mia carriera e non solo perché ho vinto. Con Michael le gare erano più intense, dopo la F1 non è stata più la stessa. I duelli ruota a ruota con lui erano molto più difficili: sapeva di essere il più forte, una leggenda e lo chiariva in pista – ha ammesso -. Penso che l’eredità di Michael sia più grande di quanto pensiamo. Se guardi le attuali stelle della F1 vedi che è tutta gente che è arrivata qui a causa di Michael. Aveva il potere di rendere tutto più grande.

Una sfida, quella tra lo spagnolo e il tedesco, che ha contribuito a rendere grande la Formula 1 ma soprattutto a far entrare nella leggenda Alonso, l'unico capace di interrompere lo strapotere di Schumacher: tempi che sembrano lontanissimi, ma ancora vivi nel ricordo dell'ex Renault e di tutti gli sportivi che, grazie alle loro imprese e al loro duello, ancora oggi si emozionano.