video suggerito
video suggerito

Auguri Max Biaggi, compleanno da miracolato per il Corsaro

Il sei volte iridato compie oggi 46 anni. A più di due settimane dall’incidente durante un allenamento con la supermotard, è ancora ricoverato in terapia intensiva al San Camillo di Roma.
A cura di Valeria Aiello
454 CONDIVISIONI
Immagine

Quattro titoli in 250 tra Aprilia e Honda, due in Superbike sempre con l’Aprilia, una vita di successi e curve spericolate, senza freni né paure, fino all’incidente dello scorso 9 giugno sul circuito Il Sagittario di Latina mentre si allenava con la supermotard, una moto da enduro con gomme da strada, ultimo capriccio di un ‘Corsaro’ che, smesso con le gare mondiali, non ha mai chiuso con la passione per le due ruote.

Compleanno da miracolato

Nato a Roma il 26 giugno del 1971, Max Biaggi compie oggi 46 anni. Quarantasei, come il numero di gara di un certo Valentino Rossi, suo storico rivale prima in 500 e poi in MotoGP, con cui non è mai stato amore. “È sempre stata una rivalità importante, che a volte è andata anche sopra le righe e fuori dallo sport ma ormai è solo un ricordo piacevole più che negativo” raccontava il romano dopo il ritiro dall’attività agonistica. Quello stesso Valentino che, saputo dell’incidente, si è subito sincerato delle condizioni dell’ex rivale, a costo di dover chiedere ai giornalisti presenti in sala stampa “Come sta?” prima di analizzare il suo venerdì a Barcellona. Quella che era solo “qualche costola rotta” con il passare dei giorni si è però rivelata una situazione molto più seria per la frattura di 11 costole e una clavicola, e per le lesioni che hanno interessato entrambi i polmoni, e non uno solo, come inizialmente riferito dai medici. Un quadro clinico di una certa gravità che, considerato l’ampio ventaglio di evenienze per i traumi di questa portata, avrebbe potuto essere anche peggiore.

Max… a tutto gas

Pensare che da bambino fosse interessato più calcio che al motociclismo fa un certo effetto, se non fosse stata per quella minimoto che gli venne regalata per il suo 17° compleanno e che lo avvicinò al mondo delle competizioni. Nel Motomondiale Biaggi ha corso 215 gare vincendone 42 e salendo 111 volte sul podio. In Superbike, invece, i suoi GP sono stati 159, le vittorie 21 e i podi 71, l’ultimo nel 2015, in qualità di wild card nella gara-1 di Sepang, sempre in sella all’Aprilia, dopo due anni e mezzo di lontananza dalle competizioni. Nel 2016 l’impegno con la Mahindra Racing, per cui diventa ambasciatore del marchio e team manager della squadra Max Racing team che da questa stagione corre in Moto3 nel Campionato italiano velocità (Civ).

Dai successi sui circuiti di mezzo mondo alle pagine del gossip il passo fu breve: al campione capitolino sono stati attribuiti flirt con donne e modelle bellissime, come Naomi Campbell, Claudia Schiffer e Anna Falchi. Legato per 12 anni all’ex Miss Italia, Eleonora Pedron, dalla quale ha avuto due figli, Ines Angelica nata nel 2009 e Leon Alexandre nato nel 2010, dal 2015 è al fianco della cantante Bianca Atzei, sua attuale compagna che, dal giorno dell’incidente, trascorre giornate intere al suo capezzale.

Lesioni a entrambi i polmoni

Dal suo arrivo in elicottero al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Camillo di Roma, Max Biaggi è stato sottoposto a due interventi chirurgici. Dopo il drenaggio toracico eseguito del polmone sinistro che “si era reso necessario in seguito a un incremento della falda del pneumotorace”, il sei volte iridato è stato sottoposto a una seconda operazione chirurgica che, come riportato dal referto dell’anestesista, è stata condotta per “liberare” la parte di polmone destro che era rimasta pizzicata dalla frattura di due costole accavallate. Risvegliatosi dall’anestesia totale, Biaggi ha ricominciato a respirare autonomamente, come avveniva già al suo arrivo in ospedale, salvo che per la fisioterapia respiratoria.

I medici non hanno sciolto la prognosi che resta riservata ma è plausibile che il campione romano dovrà trascorrere ancora qualche giorno in terapia intensiva prima di poter tornare a casa e intraprendere il lungo percorso di riabilitazione. A guardare oltre è stato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che nei giorni scorsi aveva fatto visita al Corsaro, dando la piena disponibilità dell’Istituto di Medicina e Scienze dello Sport di Roma. “Avrà una gestione post intervento per la riabilitazione che sarà abbastanza lunga. La farà a Roma e il nostro Istituto di Medicina e Scienze dello Sport sarà a suo supporto” sono state le parole del numero uno del comitato olimpico. Oltre a Malagò, in ospedale anche personaggi dello sport e della musica, alcuni calciatori, ma anche storici amici, come il presentatore tv Fabrizio Frizzi, e Renato Zero. Non si sarebbero visti, invece, i colleghi piloti, almeno secondo quanto riportato dal padre Pietro.

Bianca: “Sta migliorando”

In assenza di comunicazioni ufficiali, le condizioni di Max Biaggi sono descritte come “stabili” dai familiari e da Bianca Atzei, tornata sul palco prima a Napoli e poi a Roma, dopo il grave incidente del compagno. “Sta migliorando. Ci tenevo a ringraziare tutte le persone che lo seguono, gli danno tanta forza e tanto calore e ne danno anche a me” ha detto la cantante che ha ottenuto un permesso speciale per avere un margine di visita più flessibile. “Attendiamo con ansia miglioramenti anche se, per il momento, Max rimane in terapia intensiva. Credo che la musica e il canto siano una potente medicina e possano migliorare il suo stato d’animo e anche il mio” si legge nell’ultimo aggiornamento pubblicato sui social.

Un post pieno di speranza, nell’attesa di rivedere Biaggi tornare il Max che conosciamo, appassionato e mai banale, forte ma sempre tenero, deciso ma comunque romantico, come nella sola e prima foto della sua mano incerottata e stretta a quella della sua compagna. Max l’ha “sfangata” anche questa volta, per dirla con le stesse parole che il Corsaro ha detto a papà Pietro dopo la caduta, con la capacità di chi riesce a tirarsi fuori dalle situazioni più inaspettate e filare dritto sulla propria strada.

454 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views