Arriva la stagione del bel tempo e, con la Pasqua, arriva anche il primo ponte utile per un weekend fuori casa. Tutto è pronto per un bel viaggetto, purché il piacere non sia rovinato da qualche brutta sorpresa, come una multa per eccesso di velocità. È proprio per evitare sorprese del genere che l'automobilista si informa sul posizionamento di autovelox e tutor sulle autostrade e le extraurbane secondarie. Come tutti i dispositivi elettronici fissi, il tutor è preceduto da cartelli stradali e dispositivi luminosi che indichino la presenza del controllo, diversamente dalle postazioni mobili, come i dispositivi Telelaser in uso sulle auto della Polizia stradale, che invece possono non essere segnalate. Senza l'intenzione di essere spericolati alla guida, sapere qual è la mappa dei dispositivi di controllo della velocità può aiutare a rispettare la legge, piuttosto che a violarla. È con questo proposito che di seguito condividiamo le informazioni regolarmente fornite dalla Polizia di Stato e da Autostrade per l'Italia su Tutor, Virgilius, Autovelox e dispositivi mobili.

Tutor: mappa aggiornata

La mappa dei tutor e il loro posizionamento sulla rete autostradale sono pubblici per volontà di Autostrade per l’Italia che ha scelto di rendere note la posizione di tutte le postazioni di controllo della velocità lungo la propria rete in un’ottica di trasparenza. La mappa comprende le tratte soggette a controllo con sistema tutor su Autostrade per l’Italia e si estende alle tratte di società del gruppo Autostrade per l’Italia e altre concessionarie. Dato che non è possibile sapere se un tutor sia attivo o meno, tanto vale supporre che esso funzioni sempre e, a scanso di equivoci, sempre meglio stare attenti ai segnali stradali e adeguarsi di conseguenza al limite di velocità.

Puoi anche scaricare la mappa sul tuo dispositivo.

Sistema Vergilius

Nato dalla collaborazione tra Anas e Polizia stradale, come l’omologo dispositivo tutor, anche Vergilius consente di rilevare la velocità media di tutti i veicoli che transitano su un determinato tratto stradale. Il sistema ha consentito di estendere anche alla rete stradale extraurbana, caratterizzata da alti livelli di sinistrosità, il controllo elettronico con conseguente abbassamento della velocità e i benefici per la sicurezza già rilevati in ambito autostradale. Vergilius è attivo sulle seguenti tratte stradali:

  • SS1 Aurelia, nei pressi di Roma, ai chilometri 11+950, 15+700 e 23+500;
  • la SS 7 quarter Domitiana, ai chilometri 44+500 e 54+300;
  • la SS 309 Romea, ai chilometri 1+680 e 7+080;
  • la SS145 Var Sorrentina – galleria Santa Maria di Pozzano, ai chilometri 0,00 e 5+100
  • e sull’autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria tra Salerno e Padula Buonabitacolo per un totale di 41 caselli controllati.

Autovelox

Per capire con precisione su quali strade e autostrade operano invece autovelox fissi e mobili, è possibile consultare l’elenco pubblicato dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, con le postazioni fisse su autostrade e sulle strade statali nella disponibilità della Polizia stradale. La Polizia stradale pubblica inoltre ogni settimana il calendario aggiornato dei controlli della velocità effettuato con apparecchiature mobili, consultabile regione per regione. Andiamo con ordine:

Postazioni fisse

Il sito della Polizia di stato condivide sia il documento sulle postazioni fisse degli autovelox nelle autostrade (aggiornato a febbraio del 2018), sia dei dispositivi sulle extraurbane secondarie (mappa aggiornata ad aprile del 2017). Di seguito i dettagli:

Postazioni mobili regione per regione

Come anticipato, le postazioni mobili cambiano di settimana in settimana. Vediamo quali sono le informazioni fornite dalla Polizia stradale dal 26 marzo al 1 aprile 2018 e dunque comprensivo del lungo weekend di Pasqua e Pasquetta. Di seguito l'elenco delle regioni italiane, con link di collegamento al relativo documento del sito della Polizia di stato. Nel Lazio è in Sardegna è attivo anche Trucam, il dispositivo che consente non solo di rilevare l'eccesso di velocità, ma anche di vedere all'interno dell'abitacolo e sanzionare altre infrazioni, come ad esempio il mancato uso delle cinture di sicurezza.