Un distributore di carburante
in foto: Un distributore di carburante

Quello di aprile, per gli automobilisti, si annuncia già come un mese complicato sul fronte carburanti. Il prezzo di diesel e benzina in Italia, infatti, riprende a salire rompendo così la tregua sulla rete nazionale: le quotazioni de prodotti petroliferi sono di nuovo in crescita e stavolta è Eni a praticare un rialzo di 1 centesimo sul prezzo della benzina.

In aumento i prezzi di diesel e benzina

Stando all'elaborazione di Quotidiano Energia sui prezzi comunicati dai gestori all'Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self-service della benzina è pari a 1,585 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,579 a 1,602 euro/litro mentre per quanto riguarda il diesel, invece, il prezzo medio praticato è di 1,493 euro/litro, con le compagnie che oscillano da 1,494 a 1,508 euro/litro. L'unico modo per risparmiare qualcosa è rivolgersi ai gestori no-logo che offrono la benzina al prezzo medio di 1,472 euro/litro e il diesel a 1,561 euro/litro. Prezzi ancora maggiori, invece, in modalità servito con la verde che tocca una media di 1,716 euro/litro, con gli impianti che partono da un minimo di 1,670 a un massimo di 1,796 euro/litro (no-logo a 1,608), mentre per il diesel la media è a 1,628 euro/litro, con i punti vendita delle compagnie tra 1,607 a 1,713 euro/litro (no-logo a 1,519). Il Gpl, infine, va da 0,640 a 0,665 euro/litro con le no-logo a 0,635 euro/litro.

Attesi nuovi rincari

Il mese di aprile, quindi, potrebbe portare un deciso aumento nella spesa degli automobilisti per quanto riguarda la voce carburanti. Gli aumenti registrati negli ultimi giorni, infatti, potrebbero non essere gli ultimi visto che nelle prossime settimane sono attesi nuovi rincari sul prezzo dei carburanti in Italia: "I prezzi dei carburanti dovrebbero registrare un aumento nei prossimi giorni. A meno di drastiche variazioni in più o in meno delle quotazioni internazionali alla chiusura dei mercati o del tasso di cambio euro/dollaro ci sono ad oggi plausibili presupposti per una aspettativa di prezzi tendenzialmente ancora in aumento, media dei due prodotti benzina e gasolio e delle due modalità di servizio ‘self' e ‘servito', per i prossimi 4 giorni con scostamenti almeno di 0,5 cent/litro in più" ha ammesso Bruno Bearzi, il presidente di Figisc – Confcommercio.