Bandiera rossa esposta ed E-Prix di Roma sospeso per un maxi tamponamento che ha coinvolto una decina di auto nelle prime fasi della gara.

E-Prix di Roma sospeso per un maxi incidente

L’argentino José María Lopez, sul circuito ricavato sulle strade dell’Eur e un asfalto ancora bagnato dalla pioggia caduta nel corso della giornata, è finito contro un muretto al cambio di direzione, innescando un tamponamento alle sue spalle. Nessuna particolare conseguenza per i piloti ma vetture bloccate e gara sospesa dalla bandiera rossa per permettere ai commissari di intervenire e spostare le monosposto.

Asfalto difficile e pista troppo stretta

Per permettere la ripartenza, le vetture rimaste bloccate sono state riportate in pit-lane e la pista ripulita dai tanti detriti lasciati dalle monoposto in vista della nuova procedura di partenza. Attimi interminabili, con i piloti tornati al box e uno sguardo al cielo, nella speranza che nel frattempo le condizioni vadano migliorando, drenando l’acqua ancora in superficie.

Condizioni difficili e tracciato particolarmente stretto di cui, in attesa che la Direzione Gara comunichi l’orario della nuova partenza, ha parlato Lucas Di Grassi “La Formula E è un po’ così, il circuito cittadino è molto stretto e ci sono condizioni molto difficili per la pioggia e quando c’è un incidente rimangono tutti bloccati. Spero di ripartire presto, ero 15° e ora solo 11° al primo giro, bisognerà mantenere la concentrazione per arrivare nella zona punti”. Aggiornamento: La Direzione Gara ha comunicato che la ripartenza della gara è fissata alle 16:46. A scattare davanti a tutti sarà il poleman Lotterer, al comando quando è stata esposta la bandiera rossa, seguito da Evans e Vandoorne, quindi Buemi e Frijns e a seguire tutti gli altri piloti nelle posizioni in cui sono transitati al primo giro. La nuova procedura di partenza prevede l’esposizione della bandiera verde dopo un giro di lancio dalla pit-lane,