Quello di Bologna non è un motor show come gli altri, perché ci sono sì le esposizioni, c’è la tecnologia e ci sono le anticipazioni sulle auto che arriveranno sul mercato nei prossimi mesi, ma non solo: la fiera emiliana è più di un salone dell’auto. Il visitatore qui non è soltanto il potenziale acquirente di un modello d’auto, ma è anche spettatore di show carichi di adrenalina che andranno in scena dal 2 al 10 dicembre. Di seguito riportiamo al lettore qualche motivo per cui vale la pena partecipare al Motor Show anche se non sa cosa vogliano dire calandra, montante, carter o ESP.

Salti e auto su due ruote

Dicevamo dello spettacolo e non potevano non citare le esibizioni all’arena freestyle 49, tutti i giorni dal 2 al 10 dicembre. Il Team Daboot sfiderà le leggi della fisica con spettacolari evoluzioni in moto. A proposito di moto, anche le auto vanno su due ruote… almeno quelle del Folco Team, squadra di stunt driver che collabora da anni con le case cinematografiche per far fare alle auto cose pazzesche. Ebbene, anche loro animeranno il Motor Show di Bologna nell’Area 48-Motul Arena. Proprio in questa pista troviamo, il 6 dicembre, il King of Italy, team che del drifting, l’arte di affrontare le curve sbandando, è maestra e che darà spettacolo al Motor Show.

Dal World of Motorsport al Memorial Bettega

Al Motor Show di Bologna si corre ed è questa una delle particolarità dell’evento emiliano. Simbolo di questo spirito che ama velocità e competizione è quest'anno il World of Motorsport, concept presentato per la prima volta in Italia in cui il pubblico si impegna in una pit walk, ossia una passeggiata attraverso i box di gara di tante scuderie, tra cui Scuderia Toro Rosso e Red Bull che esporranno le F1, Prema Power Team, con la F2, AFCorse con le Ferrari GT. Ci sarà la Ducati MotoGp di Dovizioso e tanti altri.

Appuntamento racing fisso e attesissimo è il Memorial Bettega. Si tratta della trentesima edizione della gara di rally, che appassionerà il pubblico nei giorni finali dell'evento, ossia il 9 e il 10 dicembre. Alla guida di una Hyundai i20 WRC ci sarà anche Tony Cairoli, il campione del motocross che questa volta si cimenterà nel rally. Si aggiungono a questa competizione anche il Trofeo Pucci Grossi, le gare di Rally Trofeo Italia WRC e R5 e le gare di Italia Rally auto storiche 2 e 4 ruote motrici.

Non solo auto: moto, kart e sidecar

Proprio Tony Cairoli, campione del motocross alle prese con il rally del Memorial Bettega, rappresenta un altro elemento di unicità del salone di Bologna, dato che qui i visitatori devono essere stupiti dai motori a tutto tondo, che si tratti di auto o di due ruote. È con questo spirito che al padiglione 16 sarà presentata la Scrambler With Coffee, concorso dedicato alle moto Custom dei segmenti Café Racer e Scrambler. Gli amanti delle due ruote potranno deliziarsi inoltre con la parata delle Harley Davidson e la gara di Supercross l’8 dicembre. Sfilate e competizioni a parte, saranno esposte, oltre alle Harley Davidson, anche le due ruote di Suzuki, Honda, Quadro, Red Moto, Triumph e BMW del Gruppo Buscaroli. Come se tanta presenza di moto non dovesse bastare a rendere speciale questo salone dell’auto, ecco che si aggiungono anche i kart, con la gara di cross l’8 dicembre, e quella di sidecar cross il giorno successivo.

Auto dell’anno

Come in tutte le recenti edizioni, il Motor Show di Bologna è anche l'occasione per presentare le finaliste dell'Auto dell'anno, che vede in carica la Peugeot 2008 e seconda L'Alfa Romeo Giulia. Le finaliste potranno essere poi apprezzate allo stand A1 insieme alla vincitrice della scorsa edizione. Attualmente in concorso ci sono 37 modelli, tra cui Ford Fiesta, Seat Ibiza, VW Polo; Range Rover Velar, Alfa Romeo Stelvio, Audi A8, Opel Insignia, Mini Countryman, Kia Stonic, Volkswagen T-Roc, Citroen C3 Aircross, Hyundai Kona e Volvo XC40.

Passione automotive, dalla Mustang alla Ferrari

Guardare e toccare, fotografare e accelerare: al Motor Show di Bologna partecipano tutti i principali brand dell'automotive e alcune vetture possono essere anche provate presso l'Area 4×4. L'evento vede la partecipazione di Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Jeep, Abarth, Mopar, Peugeot, Citroen, Ds, Hyundai, Kia, Volvo, Honda, Tesla, Suzuki, Ferrari, Lamborghini, Militem, Cadillac, Corvette, Chevrolet, Bentley, McLaren, Maserati, a cui si aggiungono, da provare nell'Area 4×4, SsangYong, Toyota e Mitsubishi. Ford sarà invece presente con i raduni di due icone sportivissime: Mustang e Focus RS.

La novità attesissima quest'anno è il ritorno della Ferrari a Bologna. Le auto del Cavallino avranno l'Area 48-Motul Arena tutta per sé in quello che sarà il Ferrari Day, ossia il 2 dicembre, giornata inaugurale dell'evento. La giornata speciale dedicata alla Ferrari si chiuderà con il Ferrari F1 Pit Stop, due esibizioni della Scuderia di Maranello con la monoposto in pista e una sosta ai box.

Articolo sponsorizzato