Bonus fino a 6mila euro per chi acquista un'auto ecologica, ma rottamando un vecchio veicolo, e malus fino a 2500 euro per chi ne prende una inquinante; si aggiunge un nuovo capitolo alla discussione sulle auto elettriche e sulla tassazione da imporre ai veicoli considerati più inquinanti. Una modifica, con emendamento dei relatori al ddl bilancio depositato in commissione Bilancio al Senato, ha modificato ancora una volta il piano che, a meno di nuovi sviluppi non certo da escludere, porterà gli incentivi a partire da marzo 2019 mantenendoli in vigore fino al 31 dicembre 2021.

Malus alle auto inquinanti, ecco le soglie

Le nuove soglie stabilite per i veicoli più inquinanti, quelli che verranno tassati, sono principalmente quattro: l'imposta minima per l'acquisto di una nuova auto sarà di 1.100 euro e dovrebbe riguardare tutte le vetture con emissioni comprese tra 161 e 175 CO2 g/km. Salendo con il livello di inquinamento prodotto, poi, sale anche l'imposta dovuta con i 1.600 euro per la fascia 176-200 per arrivare ai 2mila euro tra 201 e 250 e al massimo stabilito in 2.500 euro se il veicolo sfora quota 250.  La nuova tassa andrà pagata al momento dell’immatricolazione attraverso il modello F24 mentre non rientrano in queste fasce auto funebri, veicoli con accesso per sedie a rotelle, camper e veicoli blindati.

Ecobonus confermato, ma con limitazioni

Confermato, invece, l'ecobonus ma con delle importanti limitazioni: innanzitutto per poter accedere al tetto massimo, i 6mila euro previsti per chi acquista una vettura con emissioni tra 0 e 20 g/km, bisognerà non solo acquistare il modello a zero emissioni ma anche avere un veicolo inquinante (Euro 0, 1, 2, 3, 4) da rottamare. Nel caso in cui la nuova auto avesse emissioni superiori e quindi comprese tra  21 e 70 g/km, categoria alla quale appartengono la maggioranza delle vetture ibride – il bonus scenderebbe a 2.500 euro. Senza la rottamazione di una vettura inquinante invece, il bonus per le stesse fasce di emissioni, sarà rispettivamente di 4.000 euro e 1.500 euro. l bonus verrà invece erogato sotto forma di contributo a chi acquista e immatricola in Italia un veicolo nuovo di fabbrica con un prezzo risultante dal listino della casa automobilistica produttrice inferiore a 45.000 euro IVA esclusa.