Alfa Romeo 8C 2900B Touring
in foto: Alfa Romeo 8C 2900B Touring

Il fascino esercitato dalle auto d'epoca non ha pari tanto che le aste dedicate a questo tipo di vetture sono quasi sempre da record, ma anche tra loro esistono delle vere e proprie eccellenze: a queste appartiene senza dubbio l‘Alfa Romeo 8C 2900 B Touring che si è aggiudicata l'ambita Coppa d'oro nel Concorso d'Eleganza di Villa d'Este battendo tutte le altre 49 concorrenti e diventando così l'auto più bella del mondo.

La storia dell'auto più bella del mondo

Un vero e proprio trionfo quello dell'Alfa – che già lo scorso anno si era aggiudicata il titolo di Best of Show a Pebble Beach – del collezionista statunitense David Sydorick, che l'ha portata sul "grey carpet" di Cernobbio insieme alla moglie Ginny. Una vettura che riesce a differenziarsi dalle altre 8C 2900 B Touring per alcuni dettagli in grado di renderla unica al mondo come d esempio l’inclinazione della griglia del radiatore così come l'assenza delle pedane, rendendola se possibile ancora più unica e preziosa. Equipaggiata con un motore 8 cilindri in linea, 2905 cmc e 180 Cv a 5.200 giri/min, fu presentata al Salone di Berlino del 1938 dopo due apparizioni nel 1937 a Milano e a Parigi riscuotendo subito un grande successo e diventando uno dei simboli della borghesia dell'epoca.

L'Alfa Romeo 8C 2900 Touring in questione, restaurata per tornare esattamente alle condizioni in cui era stata esposta al Salone di Berlino del 1938, oltre ad aggiudicarsi l'ambita Coppa d'Oro è stata eletta anche prima di categoria facendo incetta di premi e diventando universalmente l‘auto più bella del mondo. Riconoscimenti importanti che rappresentano un premio al valore storico dell'auto e non solo: recentemente, infatti, un modello simile – ma più giovane di due anni – è stato battuto all'asta per la cifra di quasi 17 milioni di euro.