"Non siamo abbastanza veloci, dobbiamo trovare il passo, ma sul giro secco possiamo migliorare" erano state le parole di Vettel. Il tedesco della Ferrari sembra essere stato buon profeta visto che, nell'ultima sessione di prove libere, la Rossa si è confermata come la scuderia che migliora di più rispetto alle altre nel corso del weekend. Nonostante la crescita delle due vetture del Cavallino, però, a mettersi davanti a tutti è stato Lewis Hamilton.

Lewis Hamilton – LaPresse
in foto: Lewis Hamilton – LaPresse

Mercedes davanti, risalgono le due Ferrari

L'inglese della Mercedes ha chiuso il suo miglior giro in 1:37.176 candidandosi al ruolo di favorito numero 1 alla conquista della pole position. Dietro di lui, però, ecco arrivare minacciose le due Ferrari con Kimi Raikkonen a prendersi il secondo posto a meno di 3 decimi dal leader e Vettel alle sue spalle, una costante in queste prime sessioni di prove libere. Passo indietro, invece, per la Red Bull che si piazza quarta con Max Verstappen ma mette a referto anche l'ennesimo problema per Daniel Ricciardo, 6° ma costretto a chiudere in anticipo parcheggiando la sua RB14 a bordo pista quando mancavano una manciata di minuti alla fine. Tra di loro si inserisce Valtteri Bottas che chiude 5°.

Conferma Haas, incidente per Leclerc

Si conferma in forma la Haas che si prende ancora una volta la palma di migliore delle altre grazie a Romain Grosjean che fa segnare il 7° tempo. Risalgono le Renault con Nico Hulkenberg e Carlos Sainz Jr mentre a chiudere la top ten c'è la Force India di Esteban Ocon. Incidente per Charles Leclerc che perde la sua vettura in uscita di curva e colpisce le barriere: un colpo, quello del monegasco, che lascia l'Alfa Romeo Sauber senza alettone posteriore costringendo i meccanici a un lavoro supplementare per rimettere la monoposto in pista in tempo per la fine della sessione.