Il Gran Premio degli Stati Uniti farà parte del calendario 2016 della Formula 1. Il circuito di Austin ha ricevuto una serie di buone notizie nei giorni scorsi, tra cui una serie di sgravi fiscali da parte di grandi proprietà che gli consentiranno di risparmiare più di 5 milioni di euro all'anno e di recuperare in maniera retroattiva circa 10 milioni di euro. Questo ha consentito a Bobby Epstein di confermare la presenza della gara nel calendario del Mondiale 2016 dopo i dubbi che si rincorrevano nelle scorse settimane. La notizia è stata confermata dalle agenzie Reuters e Associated Press. Il capo dell'organizzazione Epstein durante la conferenza stampa ha affermato: "Siamo così felici di confermare il GP di F1 al COTA e il concerto di Taylor Swift come evento per il weekend. Non possiamo pensare ad un modo migliore per celebrare questo importante traguardo di 5 anni ad Austin per la Formula 1. Da quando abbiamo ospitato questo evento, nel 2012, abbiamo fatto molta strada che ci ha permesso di migliorare e siamo certi che continueremo a farlo per la stabilizzazione degli Stati Uniti sul calendario di F1. Combinando l'emozione della Formula 1 e un intero concerto di Taylor Swift, siamo sicuri i fan possano godersi il più grande evento di sport e divertimento dell'anno. Non vediamo l'ora di accogliere i visitatori in Texas e nel Circuito delle Americhe, per quello che promette di essere un weekend meraviglioso".

Monza, punto e capo?

Discorso totalmente diverso per il Gran Premio di Monza. Diversamente dai mesi scorsi, i negoziati non sono stati più portati avanti. Bernie Ecclestone avrebbe voluto concluderli prima della fine di febbraio, ma a Monza la situazione è sempre la stessa: la cifra proposta dal numero uno del circus è ritenuta troppo alta nonostante il sostegno dell'Automobile Club d'Italia. La situazione del circuito brianzolo sarebbe in una situazione di stallo, ma il Gran Premio d'Italia potrebbe vedere il suo futuro attraverso un'offerta da parte dell'organizzazione di Imola nei prossimi giorni.