Charles Leclerc, 22 anni – LaPresse
in foto: Charles Leclerc, 22 anni – LaPresse

L’incidente di Interlagos tra Sebastian Vettel e Charles Leclerc dovrebbe essere una vicenda “completamente risolta”. Ufficialmente, i due piloti della Ferrari hanno lasciato il Brasile senza un confronto approfondito e, dal quel momento, la questione è passata nelle mani del team principal Mattia Binotto che, annullato il debrief del dopo gara, ha convocato entrambi i piloti per un chiarimento a freddo.

“Ad Abu Dhabi sarà interessante, mi gioco il podio”

Leclerc è stato a Maranello la scorsa settimana dove è stata programmata una riunione in videoconferenza con Vettel che è invece rimasto in Svizzera per restare accanto alla moglie Hanna Prater che sta per dare alla luce il terzo figlio (o figlia: la famiglia sta mantenendo l’assoluto riserbo sull’arrivo del nascituro). Nell’incontro, Binotto avrebbe ribadito come gli interessi della Ferrari debbano essere considerati la priorità rispetto a tutte le altre questioni, anche se non sono stati specificati dettagli su cosa è stato esattamente discusso oppure se, o come, il team abbia deciso di gestire eventuali ordini di scuderia, in particolare ad Abu Dhabi, dove domenica si correrà l’ultimo Gran Premio del 2019. E dove, in particolare, la situazione in campionato dovrebbe imporre a Vettel di mettersi al servizio di Leclerc che, dopo il botto di Interlagos, è scivolato a -11 punti da Max Verstappen ma è ancora in lotta con l’olandese della Red Bull per il terzo posto in campionato.

In questa gara tutti spingeranno al massimo, perché è l’ultima gara dell’anno e la maggior parte dei piloti non ha niente da perdere – ha spiegato Leclerc alla vigilia del weekend – . Quasi tutto il paddock probabilmente non vede l’ora di godersi le vacanze mentre io, in realtà, sono piuttosto triste che non sentirò l’adrenalina delle corse per i prossimi mesi”.

Leclerc, già in Arabia Saudita dove insieme alla Ferrari ha fatto visita Car Show di Riad, esibendosi al volante della F60, insieme a Antonio Giovinazzi e Mick Schumacher, è pronto alla sfida di Abu Dhabi. “La gara inizierà con la luce del giorno e terminerà con il buio – ha ricordato il monegasco – . È qualcosa di davvero speciale, che non sperimentiamo in nessun altro circuito. Un altro aspetto diverso è il rapido degrado degli pneumatici, al quale dovremo abituarci e anticipare. Sarà una gara interessante, mi gioco il podio, e non vedo l'ora che di tornare in pista per la mia ultima uscita della stagione con Ferrari”.