Lewis Hamilton, 33 anni / Getty Images
in foto: Lewis Hamilton, 33 anni / Getty Images

Lewis Hamilton in sella a una Yamaha sul circuito di Jerez. Qualche giro per il campione della Mercedes e ormai leggenda dell’automobilismo che non ha mai nascosto la sua passione per le due ruote. Tanto da chiedere più volte di poter salire su una MotoGP, in particolare sulla M1 con cui i piloti Yamaha e Valentino Rossi affrontano il mondiale.

Hamilton prova una Yamaha

Possibilità per cui, al momento, bisognerà attendere, visto che il britannico, secondo quanto riporta Gazzetta dello Sport, si è concesso qualche tornata alla guida di una Yamaha R1 confondendosi tra gli iscritti del Trackholiday, un track day organizzato sul tracciato andaluso dai britannici della No Limits. Con tuta e casco neri e la sola M dello sponsor Monster sulla carena, Hamilton si è mescolato insieme a una cinquantina di amatori, seguendo il passo di Alex Lowes, attuale pilota della Yamaha ufficiale nel mondiale Superbike.

La presenza di un coach come Lowes non è però bastata a fargli evitare una caduta nella quale, per fortuna, ha avuto la peggio solo la moto. Hamilton non si è fatto impressionare dall'accaduto e, poco più tardi, forse con una seconda moto, ha ripreso a girare. Così, calato il sipario sull’ultima gara e i test post-campionato ad Abu Dhabi ed essersi soprattutto assicurato il quinto titolo iridato in F1 con cui ha eguagliato Manuel Fangio, mettendo nel mirino il record di sette mondiali di Michael Schumacher, Hamilton ha deciso di dedicarsi a quello che più lo appassiona. “Amo il senso di libertà che mi regala una moto” ha detto in passato il campione britannico che, da qualche anno, è ambasciatore della Mv Agusta, un ruolo che lo ha visto impegnato anche nello sviluppo della F4 LH44, una serie limitata ispirata al campione britannico. “Il giusto mix tra la mia passione per la moto e la mia vena creativa” le sue parole nel giorno del lancio.

Primo shakedown in vista di un test in MotoGP?

Per Lewis non è la prima volta in sella a una moto stradale ma una conferma indiretta di un suo futuro test potrebbe arrivare dalla presenza di Lowes come allenatore e da quella dello sponsor Monster che Hamilton ha in comune con la Yamaha MotoGP. Del resto, la Yamaha e il managing director del team, Lin Jarvis, hanno confermato più volte la possibilità di un test del britannico su una M1. “Per noi non ci sarebbe alcun problema, anzi. Vedere lui su una MotoGP sarebbe un’idea molto divertente”. Quest’anno, a offrirgli un test su un prototipo del mondiale, anche Lucio Cecchinello, fondatore e proprietario del team LCR Honda che, all’indomani della gara di Brno, gli ha mandato un invito in piena regola. “Voglio correre con voi ragazzi” aveva scritto il britannico su Twitter. “Stiamo provando a Brno, vuoi venire?”.