La Formula 1 cambia a poche settimane dal via. In questa stagione la FIA, dopo il cambiamento del format delle qualifiche, ha introdotto forti e pesanti limitazioni riguardo la comunicazione tra i box ed i piloti: nei 21 Gran Premi in programma i piloti avranno sempre maggiori responsabilità nella gestione della gara e della monoposto e, di conseguenza, un tasso di errore decisamente superiore rispetto a prima. Lo scopo di questa modifica è quello di aumentare il tasso di spettacolo e di incertezza sia per le gare che per i tifosi sulle tribune e a casa. La norma 20.1 del regolamento sportivo della Formula 1 afferma che "il conducente deve guidare la monoposto da solo e senza alcun aiuto proveniente dall’esterno" e questa cosa nelle ultime stagioni si era vista sempre meno con gli ingegneri di pista e i Team Principal che suggerivano i distacchi dagli altri piloti e davano informazioni riguardo alle mappature del motore o altre problematiche di gara. In questo modo il pilota, in condizioni di gara normali, non potrà comunicare con il muretto ma ci sono delle eccezioni: in situazioni particolarmente critiche o in caso di problematiche relative alla sicurezza il dialogo sarà consentito.

Wolff: "I piloti saranno più soggetti a fare errori"

Toto Wolff, il Team Principal della scuderia Mercedes, ha parlato di questa novità nel regolamento del circus: "Ci sarà una maggiore varietà nei risultati e questo è un aspetto molto importante per il nostro sport. I piloti saranno più soggetti a fare errori e questo potrebbe davvero cambiare il volto di ogni gara".