Mick Schumacher – Foto Instagram
in foto: Mick Schumacher – Foto Instagram

Un'occasione persa, quella dell'Hungaroring, per Mick Schumacher: non può essere altrimenti per il figlio d'arte, impegnato sul tracciato ungherese, che dopo essere scattato dalla quarta posizione in Gara-1 del mondiale di Formula 2, non è riuscito a prendersi il podio finendo solo 8°. Un risultato che permetterà al pilota di scattare dalla pole position nella gara di domani ma che non può soddisfare il giovane tedesco pur consentendogli di guadagnare qualcosa sui diretti avversari in classifica.

Gara al di sotto delle aspettative per il tedesco

Eppure era scattato bene Mick Schumacher che, partito dalla quarta casella, aveva difeso la posizione dall'attacco di Aitken alle sue spalle riuscendo a conservare la possibilità di attaccare Luca Ghiotto per il podio. Il punto di svolta, in negativo, della sua gara è però il primo pit stop: il tedesco rientra ai box, ma un problema gli fa perdere la posizione virtuale proprio su Aitken. Il giovane pilota del team Prema cerca di risalire, ingaggia il duello con l'italiano Luca Ghiotto, ma non riesce a superarlo; a quel punto Mick Schumacher cerca di riprendere il proprio ritmo, ma finisce per essere attaccato dal resto del gruppo perdendo posizioni prima con Matsushita che lo passa alla ripresa dalla virtual safety car e poi con King che sfrutta le gomme più fresche per superarlo.

Un finale in grande difficoltà per il tedesco che, nonostante le penalità di 5 secondi inflitte a King e a Ghiotto per non aver rispettato il limite di tempo durante il regime di safety car poi cancellata, non riesce a fare meglio dell'ottavo posto in Gara-1. Adesso Mick Schumacher occupa la dodicesima posizione in campionato con 30 punti guadagnati, due in più di Ilott e a pari merito con Boccolacci, un bottino che non può certo soddisfare la giovane stella della Ferrari Driver Academy, pronta già in Gara-2 a prendersi quel podio che anche oggi era alla portata, ma che Mick Schumacher ha visto sfumare nonostante la concreta occasione di agguantarlo per la prima volta da quando corre in Formula 2.