Sebastian Vettel – Ferrari
in foto: Sebastian Vettel – Ferrari

Il GP del Canada, oltre all'amarezza per la penalità di 5 secondi data a Sebastian Vettel e che ha costretto il tedesco a chiudere alle spalle di Lewis Hamilton, seppur tagliando il traguardo prima, ha confermato i passi avanti fatti dalla Ferrari. Proprio per questo la scuderia italiana ha deciso di moltiplicare gli sforzi per cercare di avvicinarsi più possibile alle Mercedes e non lasciare nelle mani delle Frecce d'argento un mondiale che si sta facendo sempre più complicato.

In Francia con una nuova ala anteriore

L'amarezza per la gara di Montreal, già dalla prossima settimana, dovrà lasciare il posto alla voglia di riscatto degli uomini di Maranello; la scuderia italiana, infatti, dovrà presentarsi in Francia – altra pista che per caratteristiche ben si sposa con la SF90 – con l'intenzione di riprendersi quanto lasciato per strada in questa prima parte di stagione e, proprio per questo, sono previsti una serie di aggiornamenti che, almeno sulla carta, dovrebbe portare a colmare quel gap ancora esistente con Mercedes. A Le Castellet, infatti, debutterà sulla vetture di Maranello una nuova ala anteriore, sempre fedele al concetto dell'outwash, ma che sarà caratterizzata da un nuovo profilo e da nuovi flap mentre, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, in Austria arriverà un nuovo fondo.

Tutti gli aggiornamenti previsti fino alla pausa estiva

Le novità, però, non si fermeranno qui con il nuovo diffusore pronto per la gara in Gran Bretagna – in casa della Mercedes e di Hamilton – mentre in Germania ci saranno nuovi deviatori di flusso davanti alle fiancate ad aiutare Sebastian Vettel a riscattare la prestazione della scorsa stagione quando, in testa alla gara, conclusa la corsa contro le barriere perdendo forse un mondiale fino a quel momento vissuto da protagonista assoluto. Una piano d'attacco, quello studiato dalla Ferrari e dal team principal Mattia Binotto, che dovrebbe portare le due Rosse ad accorciare ancora il divario con le Mercedes: arrivare alla pausa estiva con il mondiale ancora in ballo è fondamentale per gli uomini in rosso che non hanno ancora abbandonato il sogno di conquistare un titolo che, a Maranello, manca da troppo tempo.