La Ferrari di Sebastian Vettel – Getty images
in foto: La Ferrari di Sebastian Vettel – Getty images

Zero vittorie all'attivo, due podi conquistati in 3 gare e una classifica che al momento non può che essere considerata deficitaria visti i 31 punti di ritardo di Sebastian Vettel dal leader del mondiale Lewis Hamilton e i 57 da recuperare alle Frecce d'argento che dominano il campionato costruttori: l'avvio della Ferrari è stato da dimenticare – eccezion fatta per la sfortunata gara del Bahrain – e per questo i tecnici del Cavallino sono a lavoro per cercare di invertire la rotta.

Pronta una nuova ala posteriore per battere la Mercedes

A Maranello, infatti, si cercano correzioni per cercare di interrompere lo strapotere Mercedes, capace di mettere a segno 3 doppiette in altrettanti appuntamenti sin qui disputati, e di tornare a vincere sbloccando così una situazione che sta diventando sempre più pesante. Per cercare di battere gli avversari la Rossa sta cercando di prendere spunto proprio dai grandi rivali studiando una soluzione simile a quella Mercedes come confermato dallo stesso team principal Ferrari, Mattia Binotto: "Abbiamo alcune limitazioni, che dipendono dai circuiti, ma un'ala posteriore come quella Mercedes è in lavorazione" sono state le sue parole riportate da Auto Motor und Sport. Una soluzione che difficilmente si vedrà già a Baku, dove il lungo rettilineo finale richiede una soluzione aerodinamica più piccola, ma che potrebbe debuttare già in Spagna, pista sulla quale durante i test la SF90 sembrava volare.

Non solo l'ala posteriore dovrebbe ridurre i problemi di carico aerodinamico riscontrati dalla Ferrari, ma modificherà anche quella anteriore che andrà rivista per cercare di bilanciare al meglio la vettura. La lotta per il mondiale passa soprattutto dagli sviluppi e, dopo i primi tre GP in cui la scuderia di Maranello non aveva portato modifiche significative, ecco che la Spagna potrebbe essere la gara giusta per puntare a modificare qualcosa nella SF90: prima, però, ci sarà la gara di Baku e in Ferrari sperano possa essere l'occasione per rosicchiare qualche punto alla Mercedes per rilanciare le proprie ambizioni iridate.