Prende forma la Formula 1 2015. Nell'incontro che si è tenuto ieri tra i team e la Federazione Internazionale dell’Automobile sono state prese alcune importanti decisioni per la prossima stagione. Tra le novità di spicco, ecco l'introduzione della Virtual Safety Car come strumento di maggior tutela della sicurezza dei piloti. Si tratta di un sistema che impone dei limiti di velocità ai piloti senza bisogno che questi si accodino dietro ad una vettura fisica. Un portavoce della FIA si è così espresso ad Autosport: "La maggioranza delle squadra è stata favorevole bocciando, invece, l’idea di inserire dei limiti di velocità solo nei tratti interessati da un pericolo in quanto si è pensato al rischio di un pilota che non si accorge per tempo della segnalazione, che ci arriva troppo velocemente o che non capisce esattamente il punto di inizio". Oltre alla Virtual Safety Car, come già annunciato in precedenza, sono stati aboliti i punti doppi nell'ultimo Gran Premio come invece era avvenuto ad Abu Dhabi ed è stata bocciata l'idea della partenza sulla griglia dopo ogni Safety car. Introdotto anche lo Stop-and-go di 10 secondi in caso di "unsafe pit releases" ai pit stop e la possibilità di partire dopo i pit stop mentre vicino sta sopraggiungendo in corsia box un altro concorrente. Sono state approvate anche altre novità:

  •  l'aumento del peso minimo delle vetture senza carburante che passa da 691 a 702 chilogrammi e deve essere rispettato in ogni momento del weekend;
  • restrizione sull'utilizzo degli impianti, con la riduzione delle ore a disposizione per lo studio dell’aerodinamica secondo i canoni in precedenza proposti dalla F1 Commission: "Sono state approvate modifiche alle norme che disciplinano i test eseguiti in galleria del vento per quanto riguarda il tempo delle prove destinate all’aerodinamica sia nel 2015 che nel 2016″;
  • viene confermato il divieto relativo al sistema di interconnessione fra sospensioni anteriori: “Qualsiasi sistema di sospensione montato sulle ruote anteriori (o posteriori) deve essere disposto in modo tale che la risposta derivante dalle variazioni di carico venga applicata solo sulle ruote anteriori (o posteriori)";
  • sono state introdotte nuove norme riguardanti la sicurezza, le prime dopo l’incidente di Jules Bianchi. No agli abitacoli chiusi, ma in compenso sì all’aumento delle protezioni ai lati della testa: "I pannelli anti intrusione in Zylon posizionati su entrambi i lati della cellula di sopravvivenza sono stati estesi verso l’alto sui bordi dell’abitacolo e a fianco  della testa del pilota";
  • la sostituzione completa di una Power Unit non comporterà più una penalità come quest'anno ma le sanzioni saranno applicate cumulativamente per i singoli componenti dell’unità. Se viene imposta una penalità di posizioni in griglia, e la posizione in griglia del pilota è tale che la pena non possa essere scontata appieno, il resto della penalità verrà applicato sotto forma di una penalità di tempo durante la gara (e non nella gara successiva, come accadeva in precedenza) secondo la seguente scala:
    -da 1 a 5 posti non scontati sulla griglia: sarà applicata una sanzione ai sensi del’articolo 16.3 (a) (5 secondi di penalità durante il primo pit-stop)
    -da 6 a 10 posti non scontati in griglia: sarà applicata una sanzione ai sensi del’articolo 16.3 (b) (drive through)
    -da 11 a 20 posti non scontati in griglia: sarà applicata una sanzione ai sensi del’articolo 16.3 (c) (stop&go da 10 secondi)
    -più di 20 posti non scontati in griglia: sarà applicata una sanzione ai sensi del’articolo 16.3 (d) (penalità di tempo superiore alle precedenti).

Il presidente della FIA ha confermato che la prossima riunione dello Strategy Group si terrà il 18 dicembre e vedrà la discussione incentrata sulla riduzione dei costi, sul miglioramento dello spettacolo, sul rendere le auto più veloci e più difficili da guidare e sulla revisione dei regolamenti tecnico e sportivo, con l’obiettivo di semplificare le regole, se possibile.