Un ladro di auto
in foto: Un ladro di auto

SUV e citycar, specialmente se immatricolate in regioni come Campania e Lazio: è questo l'identikit dell'auto perfetta da rubare per un ladro. A renderlo noto è il report "Stolen Vehicle Recovery 2018" elaborato da LoJack, la società americana leader nei servizi telematici e nel recupero di veicoli rubati, che ha sottolineato però i grandi passi in avanti fatti sul fronte della sicurezza dei veicoli: sono state infatti 2.363 le auto rubate e poi recuperate – per un valore complessivo di quasi 52 mln di euro – grazie alla tecnologia in radiofrequenza non schermabile e alla partnership con le forze dell’Ordine.

Fca è il brand più rubato

L'Italia, però, si conferma come uno dei paesi con la più alta percentuale di furti d'auto. Ad attirare l'attenzione dei malviventi sono soprattutto i SUV che rispetto al 2017 hanno registrato un incremento del 62% e che presentano ben 4 modelli nella classifica delle auto più rubate come Range Rover Evoque, Jeep Renegade, Toyota Rav 4 e Nissan Qashqai. Nella graduatoria generale, infatti, il modello Rover è preceduto solo dalle due vetture regine del mercato delle vendite, Panda e 500, che per numeri di veicoli presenti sul suolo italiano non potevano che occupare le prime posizioni. Un triste primato per FCA che detiene anche il record dei furti rispetto agli altri brand precedendo nell'ordine Land Rover, Toyota, Ford e BMW.

Notevoli differenze, poi, si registrano a livello regionale con il sud Italia che risulta essere la parte più colpita dal fenomeno: a prendersi il non certo edificante primato è la Campania dove si registrano il 45% dei casi che hanno colpito veicoli dotati dei dispositivi LoJack mentre subito dietro c'è il Lazio con il 24%. A completare il podio c'è poi la Puglia con il 14% mentre Lombardia con il 9% e Puglia con il 4% seguono. Un dato particolarmente significativo riguarda queste 5 regioni nella quali si è registrato il 93% degli interi episodi di furto italiani.