In Canada aveva approfittato della penalità di 5 secondi comminata a Sebastian Vettel per prendersi la vittoria, ma in Austria è toccato a lui finire nel mirino dei commissari: Lewis Hamilton, infatti, è stato penalizzato per aver ostacolato Kimi Raikkonen nel Q1 delle qualifiche e sarà costretto a retrocedere di 3 posizioni sulla griglia di partenza scattando così dalla quinta casella nonostante avesse fatto segnare il 2° tempo in qualifica.

Lewis Hamilton – LaPresse
in foto: Lewis Hamilton – LaPresse

L'inglese penalizzato per la manovra su Raikkonen

L'episodio che ha portato alla penalità si è verificato all'inizio della sessione di qualifica: Hamilton, infatti, forse distratto, si è ritrovato alle spalle Kimi Raikkonen che arrivava a tutta velocità in curva 1. L'inglese, che procedeva molto lentamente, si è fatto trovare in traiettoria scansandosi solo all'ultimo e danneggiando il finlandese nel suo primo tentativo lanciato. Nonostante l'avvertimento dai box il campione del mondo in carica non è riuscito a spostarsi immediatamente ricevendo così una sanzione per "impedimento non necessario" ai danni dell'ex ferrarista rimediando così la penalità di 3 posizioni oltre a un punto sulla patente.

I commissari, dopo aver ascoltato entrambi i piloti coinvolti, hanno deciso di intraprendere l'azione nei confronti del pilota della Mercedes che quindi sarà costretto a partire dalla quinta posizione facendo salire in seconda Verstappen e in terza Valtteri Bottas mentre Hamilton sarà libero di schierarsi al fianco del compagno di squadra. Una buona notizia per la Ferrari, che grazie a Charles Leclerc potrà cercare di allungare contenendo il passivo con Sebastian Vettel, e anche per il suo compagno di squadra, Valtteri Bottas che, qualora dovesse riuscire a vincere, potrebbe riaprire un mondiale che rischia di aver trovato il suo padrone dopo appena 9 gare.