La Formula 1 si appresta a vivere un vero e proprio scontro generazionale: il 2019, infatti, potrebbe essere la prima vera stagione in cui la "vecchia guardia", formata da Lewis Hamilton e Sebastian Vettel, si scontrerà contro la meglio gioventù motoristica che annovera tra le loro fila due campioni in erba come Max Verstappen, già entrato nella storia per essere il più giovane vincitore di un GP, e Charles Leclerc che dal prossimo anno sarà al volante della Ferrari affiancando il tedesco, vice campione del mondo.

Lewis Hamilton, Max Verstappen e Charles Leclerc – LaPresse
in foto: Lewis Hamilton, Max Verstappen e Charles Leclerc – LaPresse

Hamilton non si fida dei due giovani

Gli ingredienti per una lotta all'ultima staccata ci sono tutti: il monegasco ha già dimostrato di poter andare veloce piazzandosi spesso e volentieri in top ten con una vettura, l'Alfa Romeo Sauber, non certo all'altezza delle grandi potenze della Formula 1 mentre l'olandese, Red Bull permettendo, ha già messo in mostra un talento cristallino. Potrebbero essere loro due le sorprese del 2019 tanto che anche il campione del mondo in carica Lewis Hamilton, in un evento di uno dei partner della Mercedes, la Hewlett Packard Enterprise, ha messo in chiaro come i due astri nascenti della Formula 1 potranno creare problemi.

La Red Bull sta cercando di diventare forte, lì c'è Max Verstappen che vuole provare a vincere un mondiale e poi c'è Charles Leclerc, che ora è su una Ferrari e vorrà provare ad impressionare il prossimo anno. Questi ragazzi sono tutti molto più giovani. Io ora sono il terzo pilota più anziano in griglia, anche se ho solo 33 anni e dovrò essere super concentrato per stargli davanti – ha ammesso -. Io ho l'esperienza dalla mia parte che serve per analizzare la tua stagione e nei prossimi mesi mi siederò e cercherò di capire come essere ancora migliore. Ho chiesto al mio team di inviarmi un'email da diversi dipartimenti. Ho chiesto loro di essere sinceri, devoo dirmi se ritengono che io possa migliorare o se magari ho fatto o detto qualcosa che possa aver influenzato l'energia all'interno della squadra, qualunque essa sia. Sto cercando di essere il migliore di tutti i tempi e questo significa vincere in tutti i settori.

Nonostante il titolo mondiale appena conquistato Lewis Hamilton è già proiettato alla prossima stagione quando, oltre a dover fronteggiare Sebastian Vettel, il suo rivale nelle ultime stagioni, si troverà a giocarsela con due dei più brillanti talenti della Formula 1 moderna; il 2019 potrebbe essere il primo anno in cui due diverse scuole si fronteggeranno in pista e l'inglese, che ha ancora due anni di contratto, non ha nessuna intenzione di lasciare il trono prima della scadenza.