Si chiama Nexo ed è la capostipite di una nuova generazione di vetture. Hyundai svela le sue carte e porta al CES di Las Vegas il suo nuovo Suv ad idrogeno. Il nuovo arrivato manda ufficialmente in pensione la ix35 Fuel-cell, che appare decisamente obsoleta rispetto alla sua sostituta. Hyundai spinge forte l'acceleratore sulla mobilità a bassa e zero emissioni ed il gruppo coreano punta ad introdurre ben 18 nuovi modelli "green" entro il 2025.

Nuova piattaforma per la Hyundai Nexo.

in foto: Hyundai Nexo.

La Hyundai Nexo si differenzia dal modello già dall'esterno, con un look ben differente rispetto alla ix35. La nuova arrivata viene dotata di un pacchetto meccanico completamente rivisto sotto ogni aspetto per garantire la massima autonomia ed una dinamica di marcia tutta nuova. La Nexo è stata sottoposta a rigidi test che ne hanno decretato l'eccellente capacità di avviamento a freddo: la vettura monta un sistema di celle a combustibile capace di riscaldarsi in maniera piuttosto rapida e la Nexo riesce a mettersi in moto senza problemi anche dopo aver passato una nottata ad una temperatura di -30 °C. A differenza della ix35, la Hyundai Nexo si basa su una piattaforma dedicata che ha offerto maggiore libertà ai progettisti. La piattaforma risulta più leggera e la nuova disposizione di batteria e celle a combustibile contribuisce ad incrementare lo spazio interno.

Hyundai Nexo, migliora l'autonomia.

hyundai-nexo-fuel-cellin foto: Hyundai Nexo.

La batteria viene potenziata a 40 kW, così come il motore elettrico che passa a 120 kW, poco più di 160 CV. L'idrogeno è stoccato in 3 serbatoi con una densità di stoccaggio a vertici del settore, oltre ad un peso ridotto rispetto al modello uscente. La piattaforma permette una migliore integrazione del gruppo propulsore e di tutte le sue componenti in movimento, che sono raggruppate tutte sotto al cofano motore per favorire la silenziosità in marcia. L'intero pacchetto garantisce un'autonomia NEDC pari a ben 800 Km, con un incremento del 40% rispetto alla ix35 Fuel Cell. L'upgrade del motore migliora anche le performance pure della vettura, che riesce a scattare da 0 a 100 Km/h in 9,5 secondi grazie all'eccellente coppia di 394 Nm.

Debuttano nuovi sistemi di assistenza attiva.

hyundai-nexoin foto: Hyundai Nexo.

Il CES di Las Vegas è la vetrina ideale per mostrare al pubblico le tecnologie prossime alla produzione in serie e la Hyundai Nexo viene dotata di nuovi sistemi di assistenza attiva alla guida. Il Blind-spot View Monitor sfrutta le telecamere esterne e fornisce al guidatore una chiara visuale degli angoli normalmente ciechi. Uno schermo centrale fornisce un feedback visivo della zona laterale e posteriore della vettura mentre degli schermi grandangolari laterali mostrano le zone normalmente non raggiunte dagli specchietti retrovisori. Il Lane Following Assist mantiene la vettura all'interno della corsia gestendo lo sterzo in un range di velocità tra 0 e 150 Km/h. Il sistema lavora in sinergia con l'Highway Driving Assist, che analizza il percorso tramite i sensori ed il navigatore satellitare e adatta la velocità di marcia a seconda dei limiti imposti. Ultimo ma non meno importante, il Remote Smart Parking Assist permette alla Nexo di entrare ed uscire da un parcheggio in piena autonomia, anche senza il conducente a bordo.