Tempo di bilanci in Formula 1, normale con la stagione ormai conclusa e i verdetti scritti nell'albo d'oro: a trionfare, ancora una volta, sono stati la Mercedes, capace di vincere il quinto titolo costruttori consecutivo, e Lewis Hamilton, che non il titolo portato a casa nel 2018 ha eguagliato il record di cinque mondiali piloti vinti messo a segno da Juan Manuel Fangio e guarda ora ai sette di Michael Schumacher, il più vincente nella storia.

Hamilton è il miglior pilota dell'anno secondo i team principal

I riconoscimenti, però, per il pilota britannico non sono finiti: dopo il titolo e il trofeo Graham Hill, assegnato al pilota con il rendimento migliore dal BRDC, il pilota della Mercedes ha incassato l'ennesimo attestato di stima, stavolta dagli addetti ai lavori. Ad eleggerlo come miglior pilota della stagione appena conclusa, infatti, sono stati i team principal delle scuderie che compongono la griglia di partenza, che lo hanno votato come nel solito contest indetto da Autosport. Ognuno dei boss delle varie squadre deve stilare una classifica dei dieci migliori piloti in griglia  assegnando punti secondo il sistema vigente in Formula 1, quindi 25 al primo, 18 al secondo, 15 al terzo e così via. Naturalmente i voti sono segreti, in modo da permettere ad ognuno di esprimersi liberamente: a raccogliere il maggior numero di punti è stato proprio l'inglese con 218 su un massimo di 250; quasi un plebiscito per Hamilton.

Lewis Hamilton – LaPresse
in foto: Lewis Hamilton – LaPresse

Vettel dietro Verstappen, Leclerc meglio di Raikkonen

A far rumore, però, non è tanto la vittoria del britannico, quanto il piazzamento di Sebastian Vettel: il tedesco della Ferrari, infatti, non occupa la seconda posizione – finita nelle mani di Max Verstappen con 139 punti – bensì la terza a quota 102, alle spalle del talentuoso pilota olandese della Red Bull. Una beffa per il quattro volte campione del mondo che, visto il piazzamento in campionato alle spalle di Hamilton, sperava di essere 2° anche per i team principal. Niente da fare per il pilota del Cavallino che almeno si piazza davanti a Fernando Alonso, 4°, e al futuro compagno di squadra Charles Leclerc, sesto dietro Ricciardo, ma davanti a Kimi Raikkonen, colui che prenderà il suo posto in Alfa Romeo Sauber lasciandogli libero il volante della Rossa di Maranello.

Max Verstappen e Sebastian Vettel – LaPresse
in foto: Max Verstappen e Sebastian Vettel – LaPresse