Il 1° maggio, per il Giappone, è stata una giornata storica: l'imperatore Akihito, per la prima volta nella storia del Paese asiatico, ha abdicato dopo 31 anni di regno lasciando il regno nelle mani del figlio 59enne Naruhito che tra qualche mese, quando sarà ufficialmente proclamato, diventerà il 126° imperatore del Giappone. Una celebrazione storica quella che si terrà il prossimo ottobre che richiede anche un'automobile speciale tanto da essere già in preparazione.

Toyota Century
in foto: Toyota Century

Le richieste del nuovo imperatore erano state categoriche: la vettura doveva una limousine ed essere realizzata da una grande azienda, cabriolet ma anche "green" e potentissima oltre ad essere concepita in modo che l'imperatore e l'imperatrice potessero essere facilmente visti dal popolo. Alla fine la scelta è ricaduta sulla Toyota Century che avrà, oltre a tutte le ricchissime dotazioni di serie, delle particolarità che la renderanno unica. Presentata al Salone di Tokyo nel 2017, la terza generazione della Toyota Century – nata per competere con i colossi del lusso europeo come Rollys-Royce e Mercedes-Maybach – fu lanciata per la prima volta nel 1967 per rendere omaggio ai 50 anni del fondatore del marchio; spinta da un powertrain ibrido che combina il V8 da 5 litri al motore elettrico per complessivi 431 Cv, la Century è dotata delle più innovative tecnologie di sicurezza e assistenza attiva che rappresentano il top che la casa giapponese può offrire.

Gli interni della Toyota Century
in foto: Gli interni della Toyota Century

Gli interni, poi, saranno super lusso proprio per soddisfare ogni tipo di esigenza dell'imperatore: tra le stravaganze presenti a bordo ci sono sedili posteriori prevedono la funzione massaggio, legno pregiato per portiere, finiture cucite a mano, un camino posizionato al centro dell'abitacolo, un sistema di intrattenimento per i sedili posteriori da 11,6 pollici, l'amplificatore audio a 12 canali e 20 altoparlanti posizionati in modo ottimale per creare l'atmosfera anche in auto. Oltre a questo, poi, fiore all'occhiello sono i dettagli artigianali, dentro e fuori l'abitacolo, tra i quali il più prestigioso è il logo della fenice realizzato da maestri artigiani in sei settimane di lavorazione, che fa bella mostra sul frontale dell'auto.