La partenza del Gran Premio del Messico 2017 – LaPresse
in foto: La partenza del Gran Premio del Messico 2017 – LaPresse

Il calendario di Formula 1 2020 non è ancora stato ufficializzato, ma le trattative di Liberty Media e Fia per rinnovare i contratti con i Gran Premi in scadenza proseguono senza sosta: all'appello manca ancora la gara di Città del Messico, una delle più entusiasmanti nelle ultime stagioni, ma l'avventura della pista dedicata ai fratelli Rodriguez sembra destinata a proseguire. Nelle ultime ore, infatti, gli organizzatori dell'evento hanno annunciato, attraverso il profilo Twitter, che nelle prossime ore sarà ufficiale il rinnovo del contratto che permetterà alla gara messicana di proseguire l'avventura in Formula 1.

L'annuncio ufficiale avverrà probabilmente nella giornata di giovedì 8 agosto quando Jean Todt sarà nel paese per firmare il rinnovo che legherà il tracciato di Città del Messico alla Formula 1 per altre 3 stagioni. A sbloccare la situazione sarebbe stata la volontà di alcuni privati di prendere parte al GP permettendo così di non utilizzare fondi pubblici facendo diventare possibile la permanenza di quello che, nelle ultime 4 stagioni, è sempre stato votato come miglior evento dell'anno. A confermare come l'accordo sia a un passo ci ha pensato anche Claudia Sheinbaum, sindaco di Città del Messico, che ha confermato la notizia attraverso un post sul proprio profilo Twitter.

Il rinnovo del GP del Messico e l'inserimento delle gare in Vietnam e Olanda, insieme alla probabile conferma della Spagna, porterebbero quindi il calendario 2020 a 22 gare, una in più rispetto alla stagione in corso; un ulteriore passo verso il grande sogno di Liberty Media che, entro i prossimi anni, vorrebbe ampliare il calendario fino a 25 gare che però costringerebbe le scuderie a un tour de force che non tutte sono disposte ad accettare. Una situazione che le due parti dovranno affrontare trovando un accordo che permetta così alla Formula 1 di diventare sempre più globale senza perdere il proprio DNA.