L'hanno sempre considerata la donna più veloce del mondo su quattro ruote. Almeno fino a poche ore fa. Fino a quel maledetto momento in cui ha perso la vita. Jessi Combs, 36enne pilota e volto televisivo molto famoso tra tutti gli appassionati di velocità (dal 2005 al 2009 ha condotto il reality ‘Xtreme off-road 4×4'), è infatti morta nelle scorse ore in seguito ad un grave incidente accaduto nel deserto di Alvord, sud-est dell'Oregon, in un letto asciutto di un lago dove erano già stati stabiliti diversi record di velocità.

La carriera della "Regina degli Hammers"

Secondo le prime ricostruzioni la donna sarebbe deceduta dopo un terrificante schianto, mentre viaggiava a bordo di un Jet-Car nel tentativo di battere il suo stesso record di velocità (477,59 miglia orarie, quasi 800 km/h), conquistato nel settembre 2016 con la Other American Eagle. Soprannominata "Queen of Hammers", Jessie Combs era da sempre una grande appassionata di motori e si era laureata alla WyoTech: uno dei principali college statunitensi dedicati al settore automobilistico. In carriera, prima di dedicarsi alla progettazione di veicoli e al mondo della televisione, aveva inoltre festeggiato altri prestigiosi successi: tra questi due edizioni dell'Ultra 4 King of the Hammers e il Rally Aicha des Gazelles.

So I don’t know how to say any of this but it all needs said. I have never loved or been loved by anyone as much as this amazing woman @thejessicombs she was truly my unicorn and I enjoyed every single minute that I had with her. She was the most amazing spirit that I have ever or will ever know. Unfortunately we lost her yesterday in a horrific accident, I was the first one there and trust me we did everything humanly possible to save her!! I’m not ok, but she is right here keeping my going-I made her a promise that if this didn’t go well that I would make sure and do good with it, please help me with that, you are all going to see things on news please believe non of them.. we the family have drafted a release and it will come out today with more proper info, but I was just woke up by the media tracking me down and I need everyone of her true friends to do what she would want “take a deep breath, relax” and do good things with this. Please donate to nothing, I know there will be people try, we are finishing the documentary as she wished and the world will know the truth and her foundation will use those funds to do amazing things in this world and make her legacy live on properly. In the coming days her family and I will get the proper channels put together that you can then donate to that foundation but until you hear it from me wait please-I don’t want some asshole profiting off this (all ready had one try to sell us a video)… . . Love you all and thank you all for being such amazing friends to her, she dedicated her life to helping support others dreams and I promise I will continue that.

A post shared by Terry L. Madden (@terry_madden) on

La conferma della sua morte

La conferma della sua tragica morte, che secondo i media locali sarebbe avvenuta intorno alle ore 16.00 di ieri, è arrivata nelle scorse ore grazie ad un messaggio pubblicato sui social da Terry Madden: "Non so come dirlo, ma purtroppo devo farlo – ha scritto su Instagram, un membro della squadra di Combs – Sfortunatamente l'abbiamo persa ieri in un terribile incidente. Sono stato il primo ad accorrere lì, e credetemi abbiamo fatto tutto il possibile per salvarla.  Non ho mai amato nessuno quanto questa straordinaria donna".